Valenza si rifà il look: presentato il nuovo arredo urbano personalizzato

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

Valenza – Rilanciare il “luogo del commercio”, creare l’identità del Distretto Urbano del Commercio e costituire un marketing territoriale per lo sviluppo del Distretto e valorizzare i luoghi del “centro commerciale naturale” attraverso la riqualificazione e la rigenerazione urbana degli ambiti naturali del commercio. Sono questi due degli obiettivi del DUC, Distretto Unico del Commercio, la cui progettazione e realizzazione del nuovo arredo urbano è stata presentata stamane in conferenza stampa nella Sala Giunta del Comune. “La Città dell’oro”, questo il nome del progetto di arredo urbano, è un’azione inserita nel piano triennale resa possibile da un ulteriore finanziamento ottenuto dal Distretto grazie ad un bando della Regione Piemonte che prevedeva il sostegno alle attività e ai progetti di investimento dei distretti inseriti nell’elenco regionale.
Erano presenti il sindaco Maurizio Oddone, il vicesindaco Luca Rossi, l’Assessore al Commercio Alessia Zaio e l’Assessore al Decoro Urbano Paolo Patrucco per il Comune, il direttore provinciale Alice Pedrazzi per la Confcommercio e il manager di distretto Maurizio Fasciolo.
Nel dettaglio Distretto ha optato per la progettazione e la realizzazione di panchine, con e senza schienale, di fioriere e di cestini portarifuti.
Sulla base delle linee della progettazione, che prevedevano una attività di storytelling del centro per promuovere i valori identitari che hanno reso famosa Valenza nel mondo, gli elementi dell’arredo urbano nascono dal logo stesso “La Città dell’Oro”, con la schematizzazione dell’anello, da inserire nelle strutture di appoggio o ritagliando il logo in negativo, forando le lamiere metalliche con le quali sono costituiti gli arredi.
Anche il materiale con cui sono realizzati gli elementi è di pregio, con finitura color bronzo e richiama la narrazione della città dell’oro, con la valorizzazione della gioielleria e dell’oreficeria.
Panchine e fioriere sono state progettate interamente su disegno personalizzato, mentre per i cestini si è optato, in un’ottica di razionalizzazione dei costi, per elementi a catalogo su cui far imprimere il logo “La Città dell’Oro”.
Nelle panchine, previste di due tipologie, con e senza schienale, la struttura di appoggio dei fianchi riporta un elemento circolare staccato dal fianco, che rievoca un anello e che potrà essere utilizzato saltuariamente come portabici, mentre nella struttura retrostante, che distribuisce a terra i pesi della seduta e sulla quale è saldata internamente la sua struttura di sostegno, si prevede di realizzare con taglio laser il logo del DUC di Valenza.
Le fioriere proposte sono a vaso singolo, a doppia tipologia, di duplice formato, una di dimensioni più grandi e una di misure più contenute. La struttura metallica esterna ha la forma di un volume tronco piramidale tagliato, rievocando il taglio smeraldo e una grande pietra preziosa. Su una faccia in lamiera della fioriera si prevede di realizzare con tagli laser il logo del DUC di Valenza.
Per i cestini si è optato per un manufatto di sobrio e moderno design, personalizzato con l’inserimento del logo del DUC di Valenza come concordato con la ditta produttrice.
Il logo del Distretto Urbano del Commercio di Valenza: “Città dell’Oro” sarà realizzato tramite taglio laser su un lato dell’elemento con il posizionamento di una lamella inox retrostante per favorirne il contrasto e la visibilità e la tinta scelta sarà analoga agli altri arredi, ovvero tinta bronzo.
Saranno, nello specifico, realizzate 16 panchine, di cui 10 con schienale e 6 senza schienale, 18 fioriere e 6 cestini.
Gli arredi saranno posizionati in Corso Garibaldi, nel tratto compreso tra piazza Gramsci e piazza XXXI Martiri.
Grazie alla presenza del frequentato mercato i nuovi elementi di arredo urbano avranno una duplice funzione in momenti diversi della vita sociale della Città: creare delle zone di aggregazione durante il mercato e degli ambiti di sosta durante lo shopping.



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA