Adottare un monumento, l’ultima idea per aiutare la cultura alessandrina

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

“Adottato” l’arco di Trionfo, raro esempio di arco settecentesco, situato al termine di Via Dante, nell’area centrale di Alessandria. L’opera, costruita nel 1768 da Giuseppe Caselli per ricordare la visita di del re di Sardegna Vittorio Amedeo Terzo e della consorte Maria Ferdinanda di Borbone, è entrata a far parte del progetto “Adotta un monumento della tua città”, promosso da Giovanni Barosini, presidente del Kiwanis club di Alessandria. L’idea vuole essere un modo concreto per aiutare, laddove sia possibile, a far si che opere o attività collegate a quelle di beneficenza valorizzino il prestigioso monumento alessandrino.

 



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA