Fondazione Cra al fianco di Protezione Civile e Croce Rossa per accogliere i profughi ucraini alla Valfrè

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

Alessandria – Decine di profughi ucraini, in questi ultimi giorni, sono stati accolti dalla Protezione Civile e dalla Croce Rossa Italiana nella struttura della Caserma Valfré riadattata a centro di accoglienza.
Un’iniziativa, questa, alla quale si è voluta affiancare anche la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria che ha stanziato un contributo per l’efficientamento della Colonna Mobile di Protezione Civile per il trasporto dei profughi e per l’acquisto dei letti a castello per il pernottamento.
L’utilizzo di questi ultimi consente di aumentare la capacità alloggiativa fino a 50 persone, sarà possibile in questo modo implementare significativamente l’accoglienza.
“Abbiamo accolto senza indugio la richiesta della Protezione Civile della Provincia di Alessandria– afferma il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, notaio Luciano Mariano – nell’ottica dello spirito di solidarietà che contraddistingue l’impegno del nostro Ente sul territorio e in nome della collaborazione che, da anni, abbiamo stabilito con questa associazione. Siamo lieti di poter consolidare il nostro intervento proprio nella caserma “Valfrè”, che si sta trasformando in un centro nodale per la nostra città e dove abbiamo già contribuito, in modo significativo, all’allestimento del centro vaccinale Covid-19 per migliorare le condizioni di accoglienza della popolazione e agevolare il lavoro del personale sanitario e dei volontari”.



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA