Grigi: contro il Lecce un punto pesantissimo

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

Alessandria (Alessandria 1 – Lecce 1) – Un pareggio che vale oro per l’Alessandria che al “Mocca”, avversario la capolista Lecce, trova un 1-1 decisamente importante in ottica salvezza matematica in Serie B. In classifica, infatti, i piemontesi agganciano la Spal che, per lo scontro diretto, è dietro. Ma l’atteggiamento dell’undici allenato da Longo è sembrato quello giusto e, andando avanti così, la strada per mantenere la serie cadetta è quella giusta.
La cronaca.
Moreno Longo cambia sei uomini rispetto all’undici titolare a Brescia. In difesa Mantovani e Parodi, a centrocampo la coppia di mediani è Gori – Ba, nel tridente torna Marconi al centro e Chiarello a destra, la novità dall’inizio è Fabbrini.
La prima vera occasione del match arriva al 35′: azione insistita in area, la conclusione di Ba è di poco alta sulla traversa.
Al 36′ Lecce pericoloso: Ba perde palla e aziona la ripartenza dei pugliesi, la conclusione di Hjulmand non inquadra di poco lo specchio della porta.
Al 44′ Grigi pericolosi: duetto Chiarello – Marconi, l’ultima deviazione, in area, del numero 10 passa di pochissimo sulla traversa.
La prima frazione si chiude sullo 0-0.
Nella ripresa passa l’Alessandria al 5′: sugli sviluppi di una punizione battuta da Fabbrini, arriva la zampata vincente di Di Gennaro.
Al 7′ primo cambio per l’Alessandria: dentro Prestia per Di Gennarro (ammonito).
Al 15′ Pisseri grandioso su Di Mariano.
Al 19′ cambia l’attacco del Lecce: dentro Ridriguez e Ragusa, per Di Mariano e Litkowsk.
Al 37′ pareggia il Lecce con Coda.
Al 43′ ultimi due cambi per l’Alessandria: Mattiello e Corazza, per Lunetta e Marconi.
Nel finale quattro minuti di recupero e gran parata di Pisseri al 49′ che praticamente mette in ghiaccio il pareggio. (Foto tratta dall’Ufficio Stampa dell’Alessandria Calcio).

Alessandria (3-4-3): Pisseri; Mantovani, Di Gennaro (7’st Prestia), Parodi; Mustacchio, Gori (25’st Casarini), Ba, Lunetta (43′ st Mattiello); Chiarello, Marconi (43’st Corazza), Fabbrini (25’st Milanese) . A disp.: Crisanto, Cerofolini, Mattiello, Benedetti, Corazza, Pellegrini, Palombi, Filipi, Kolaj. All.: Longo.
Lecce (4-3-3): Gabriel; Gendrey( 42’st Simic), Lucioni, Calabresi, Gallo (33’st Blin); Helgason (33’st Barreca), Hjulmand, Gargiulo; Di Mariano (19’st Rodriguez), Cosa, Listkowski (19’st Ragusa). A disp.: Plizzari, Samodja, Ramirez, Bjorkengren, Majer. All.: Baroni
Arbitro: Manganiello di Pinerolo
Gol: st 5′ Di Gennaro, 37′ Coda
Ammoniti: Di Gennaro, Hjulmand, Lucioni, Gargiulo, Prestia,Mantovani per gioco falloso, Ragusa per simulazione
Corner: 3-7
Recuperi: 0+4
Note: serata fredda, terreno in buone condizioni. Spettatori: 2200 circa (incasso 21.660 euro). L’Alessandria entra in campo indossando una replica della maglia della stagione 1948 – 49.



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA