Al lupo al lupo, gli agricoltori chiede aiuto

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

Continuano ad arrivare, nelle sedi territoriali Cia della provincia di Alessandria, le segnalazioni e le fotografie scattate dagli allevatori associati relative alla presenza e ai danni da lupo sul nostro territorio.

L’ultimo caso è stato riportato da un agricoltore che ha trovato una delle sue capre brutalmente uccisa, a Monastero Bormida (Asti). Commenta Gian Piero Ameglio, presidente provinciale Cia Alessandria: “La situazione denunciata dai nostri agricoltori conferma lo stato di emergenza che viviamo sul nostro territorio a causa della mancata gestione della presenza, ormai eccessiva, della fauna selvatica. Oltre agli ungulati, sono sempre più numerosi i casi legati al lupo e ai danni che crea negli allevamenti. La Cia-Agricoltori Italiani continuerà a chiedere con determinazione l’applicazione delle misure di intervento agli organismi competenti. La degenerazione rischia di nuocere anche alla sicurezza della popolazione”.



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA