Gli alessandrini tornano ad acquistare. Soprattutto mobili

target="
Pizzeria
Osteria Franco e Ciccio

La ventitreesima edizione dell’Osservatorio di Findomestic Banca sul consumo di beni durevoli in Piemonte fotografa una regione che compra come il resto dell’Italia, meno auto e qualche mobile in più. Nel 2016 il PIL del Piemonte ha mostrato un incremento (+0,7%) in linea con la media nazionale (+0,7%) pur riducendo il ritmo di crescita rispetto al 2015. Il reddito medio pro capite è cresciuto del +2,9%, dato superiore alla media del Paese (+2,4%) per un controvalore di 21.064 €.
Per quanto riguarda il mercato dei beni durevoli (+4,5%), la spesa delle famiglie si attesta a 5,3 miliardi di euro. Cresce, meno che altrove, il comparto della mobilità (auto nuove +8,9%, auto usate +3,2%); particolarmente vivace invece il settore dei motoveicoli, che fa registrare un +11,3%.

La minore spinta del comparto può essere ricollegata sia ad un elevato tasso di motorizzazione che ad una minore necessità di sostituzione, per la presenza nella regione di un parco veicoli più giovane della media nazionale.
Un importante stimolo alla crescita della spesa destinata ai beni durevoli arriva dal comparto degli elettrodomestici (+5,7%, dato tra i più elevati a livello nazionale) e da quello dei mobili (+1,8%). A livello provinciale Biella, con 22.944 euro per abitante, si conferma la provincia piemontese a reddito più elevato, seguono Torino con 21.912 euro, Vercelli con 21.296 euro, Cuneo con 20.854 euro Tra le altre Vercelli registra la crescita più alta per i beni durevoli (+6,6%) e Alessandria si distingue per il migliore incremento in regione della spesa per i mobili (+2,5%), dato superiore anche alla media nazionale.

Nel 2015 la spesa complessiva per l’acquisto di beni durevoli in Piemonte si è attestata a 5.253 milioni di euro, avanzando di +4,5% sul 2015.

I settori di spesa
• Auto e moto – Dati positivi per il comparto della mobilità. Sale la spesa rispetto all’anno scorso, con 1.600 milioni di euro spesi per le auto nuove (+8,9%) contro i 1.469 milioni del 2015, 1.625 milioni per le auto usate (+3,2%, contro i 1.575 milioni del 2015) e 95 milioni per i motoveicoli (+11,3%, contro gli 85 milioni del 2015).

• Mobili – Il settore mobili ha vissuto un trend positivo, registrando un aumento di +1,8% e con una spesa totale di 1.237 milioni di euro, dati migliori rispetto all’anno scorso (+1,0% e 1.215 milioni di euro).

• Elettrodomestici – Ottime le performance del comparto degli elettrodomestici, che con un +5,7% hanno presentato un incremento tra i più elevati sul panorama italiano. L’elettronica di consumo ha avuto una leggera flessione, ma mantiene un andamento positivo con un +0,6% sul 2015.

• Prodotti Informatici – Continua a calare invece il comparto dell’Information technology, che passa dal -5,3% del 2015 al -5,4% del 2016, con una spesa che si attesta sui 152 milioni di euro.

Complessivamente in Piemonte il reddito disponi¬bile per abitante nel 2016 è cresciuto più che in Italia, con un ottimo +2,9%, salendo a 21.064 euro pro capite che consente alla regione di occupare la 5° posizione sulle 20 regioni italiane.

Le province
Biella si conferma, come nel 2015, la provincia piemontese a reddito più elevato: con i suoi 22.944 euro per abitante si colloca all’8° posto tra le 103 province italiane, l’unica sopra la media del Nord ovest (21.921 euro). Segue Torino con 21.912 euro, Vercelli con 21.296 euro, Cuneo con 20.854 euro, Alessandria con 20.410, Asti con 18.966 euro, Novara con 18.637 euro e per finire Verbano-Cusio-Ossola con 17652 euro.

Segno positivo in tutte le province per quanto riguarda il settore delle auto nuove, a cominciare da Vercelli che registra un +14,0% con una spesa di 72 milioni di euro. Seguono Asti con +11,1% e 73 milioni di euro, Torino con +9,2% e 783 milioni di euro, e chiude Verbano-Cusio-Ossola con +5,8% e 71 milioni di euro di spesa.
Trend positivo anche in tutte le province per quanto riguarda il settore dell’auto usata, con Biella che cresce di +7,4%, seguita da Vercelli con +4,4%, Asti con +4,1%, Alessandria 3,9%. Chiude la classifica Torino, con una crescita più contenuta che si attesta sul +2,5%.

In percentuale sulla variazione dei consumi complessivi però è in testa Alessandria, con un +2,5% e 121 milioni di euro spesi, seguita da Biella con +2,2% e Cuneo con +2,1%. Chiude la classifica provinciale Novara, con un +1,1%.

Il settore degli elettrodomestici grandi e piccoli è andato molto bene in tutte le province, con Torino e Biella che appaiate registrano un +6,0%, seguite a breve distanza da Asti e Cuneo che fanno segnare entrambe un +5,7%. Chiudono con dati comunque molto positivi Alessandria con +5,0% e Verbano-Cusio-Ossola con +4,8%. Per quanto riguarda i consumi complessivi, guida Torino con 199 milioni di euro, seguita a larga distanza da Cuneo con 51 milioni di euro.

Netto miglioramento rispetto ai dati del 2015 per l’elettronica di consumo, che recupera dalle percentuali negative dello scorso anno: Vercelli passa da -6,8% a +1,3%, Torino dal -7,3% al +0,9%, Asti dal -7,6% al +0,6%. Chiude Verbano-Cusio-Ossola che passa dal -7,6% al +0,1% del 2016.

Continua il trend negativo invece nel settore dell’Information technology, con Vercelli che fa segnare -4,4%, Cuneo -5,1%, Torino -5,2%, Asti -5,4% e Novara che chiude la classifica con -6,5%. La spesa per famiglia raggiunge la media italiana solo a Cuneo, con 78 milioni di euro, mentre nelle altre province si scende ai 77 milioni di Torino, fino ai 66 milioni di Verbano-Cusio-Ossola.

Diessetrasporti
Mutuo Imprese
Bar
LAlfiere Bistrot
Ina
D.Auto
MOsaico"
Vinny

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*