“Report” fa litigare in Parlamento: “Non è stato equilibrato”

REGIONE “RAMMARICATA”. Anche la Regione ha deciso di denunciare la trasmissione di Rai Tre per inesattezze nel racconto: “Il Piemonte non nega che vi siano anche criticità, ma, come emerge da punti di seguito evidenziati, la Regione deve sicuramente ricorrere allo strumento giudiziario per la tutela della propria immagine e dei propri interessi gravemente lesi” .

Alcuni esempi: la sala d’aspetto che non c’è, la ricostruzione fornita sull’acquisto delle mascherine Miroglio è errata. Non è esatto che non avrebbero certificazione, invece sono prodotte in conformità all’articolo 16 del Decreto legge “Cura Italia”, oltre ad essere testate e certificate ad uso sociale in ambito nazionale e internazionale.

Parimenti inesatto affermare che le mascherine Miroglio “non sono mai arrivate”.

Sono state invece consegnate a centinaia di migliaia all’Unità di crisi (le prime 500 mila donate a titolo personale da Giuseppe Miroglio, azionista del Gruppo) e successivamente distribuite a Comuni, associazioni del Coordinamento regionale della Protezione civile, Amministrazioni statali (Polizia, Carabinieri, Vigili del fuoco…) e medici di base (unitamente a quelle chirurgiche).

“Miscelare atti prodotti da enti diversi, come avessero una unica genesi, è una travisazione della realtà”.

Infine: “A ciò si aggiunga che le risposte verbali e scritte alle domande, puntualmente fornite dagli intervistati, sono state utilizzate dagli autori della trasmissione Report parzialmente, tanto che i telespettatori non hanno avuto la possibilità di farsi un’idea obiettiva delle tematiche affrontate”.