Non rispettate le regole? Adesso iniziano i controlli

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

Dalla Prefettura hanno capito che la linea morbida non funziona, che l’autocertificazione per girare liberamente è una mezza farsa, così oggi da Palazzo Ghilini hanno detto basta. Se in un primo momento non si era parlato di controlli o di blocchi di polizia, ma ci si era affidati al senso di responsabilità dei cittadini, ora ci penseranno le divise a far rispettare i divieti, “con particolare riguardo alle principali vie di comunicazioni stradali e ferroviarie”.

Certo, polizia e carabinieri non potranno essere ovunque e i furbi ci saranno sempre – oggi sono state segnalate persone a passeggio alla Cittadella, probabilmente parenti di quelli sulla spiaggia di Boccadasse di ieri: stare all’aria aperta non vuol dire rischiare di meno!), ma tant’è, dopo qualche multa forse qualcuno si deciderà a rispettare le regole.



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA