In partenza per l’Ucraina per aiutare le donne vittime di violenza

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

Paola Carbonero e Camilla Lasagna sono due giovani operatrici di me.dea e sono in
partenza per una missione di aiuto a donne e bambini, ai confini, nell’ambito del progetto
“Leaving Violence. Living Safe” realizzato da D.i.Re – Donne in rete contro la violenza in
partnership, con UNHCR, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati.
Il progetto è stato avviato (inizialmente con un altro titolo) nel 2018 per imparare ad
accogliere donne richiedenti asilo e rifugiate, che si lasciano alle spalle esperienze di
violenza multiple e giungono nel nostro paese in cerca di una vita diversa, ma rischiano di
ricadere nella spirale della violenza.

Paola, dottoressa in Filosofia e in Educazione professionale, si occupa della tutela dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori presso la Cgil di Alessandria ed è operatrice di me.dea dal 2018. Per l’associazione si dedica al sostegno delle donne accolte nelle case rifugio dell’associazione e alle attività di prevenzione. Ha esperienza internazionale (Nicaragua) come antropologa. Camilla dopo aver svolto il servizio civile a me.dea tra il 2021 e il 2022 ha deciso di rimanere in associazione. Oggi è operativa nel servizio di ospitalità dell’associazione e lavora con le donne accolte in casa rifugio, oltre che nel gruppo prevenzione. È Psicologa, Dottoressa in Psicologia Sociale, interessata da sempre ai temi femministi.



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA