Scoperta discarica di rifiuti speciali vicino allo Scrivia: una denuncia

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

Tortona – Un’area di oltre 25.000 mq. con all’interno cumuli di rifiuti speciali come materiale edile, rifiuti civili, pneumatici, strutture metalliche arrugginite nonché parti di arredi, è stata scoperta dalla Guardia di Finanza di Tortona vicina all’alveo del torrente Scrivia.
Stando a quanto appurato dalle Fiamme Gialle tortonesi, l’avanzato stato di degrado del materiale, dovuto al loro accumulo protratto nel tempo, e la presenza di quei rifiuti nel campo destinato alla coltura dei girasoli, rappresentano un concreto pericolo di contaminazione del suolo con conseguente ripercussione sulla qualità del prodotto coltivato e, di conseguenza, sulla salute pubblica.
L’area è stata quindi sottoposta a sequestro e l’affittuario dei terreni, titolare di un’azienda agricola, è stato segnalato all’Autorità Giudiziaria per attività di gestione di rifiuti non autorizzata.
Nel frattempo, di concerto con l’Autorità Giudiziaria e con l’intervento del personale dell’A.R.P.A. è stato effettuato il campionamento dei rifiuti e del suolo per verificarne, rispettivamente, il grado di pericolosità e di contaminazione, procedura necessaria per la successiva bonifica dell’area. Al contempo sono stati coinvolti i tecnici dell’Azienda Sanitaria, chiamati alle opportune verifiche di competenza per tutelare la salute dei consumatori.
L’intervento, consentirà, inoltre, di procedere al recupero della cosiddetta “ecotassa“, ovvero il tributo speciale previsto per il deposito in discarica di rifiuti solidi, che si applica anche nei confronti di chi illecitamente mette a disposizione aree di terreno adibendole a discariche non autorizzate.



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA