Lunedì 11 aprile a Novi Vassallo e il mistero delle foto perdute della strage di Capaci nel 30° anniversario

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

Novi Ligure – Lunedì 11 aprile, alle 21, presso l’aula magna del Foral di Novi Ligure, via Carducci 6, avrà luogo la conferenza per il 30° anniversario delle stragi di Capaci e di Via D’Amelio. L’iniziativa è promossa dalla rete antimafia di Libera in collaborazione con l’associazione “addio Pizzo” e il progetto legalità dell’istituto novese Ciampini-Boccardo.
All’incontro parteciperà Antonio Vassallo, il primo fotografo ad accorrere sul luogo della strage di Capaci, le cui foto sono misteriosamente scomparse. Parteciperà anche Dario Riccobono, uno dei fondatori dell’associazione AddioPizzo di Palermo.
Interverranno Paola Sultana, coordinatrice provinciale di Libera, Andrea Vignoli, in rappresentanza del circolo novese di Libera intitolato a Domenico Petruzzelli. Modera l’incontro Valentina Avvento, referente del progetto legalità del Ciampini Boccardo.
Antonio Vassallo, fotografo, nasce a Palermo nel 1966, vive da sempre a Capaci. Al fianco di Gianni Mina’, in centro America, ha raccontato con i suoi scatti, pagine di storia mondiale, come la visita di Giovanni Paolo secondo a Cuba. È tra i fondatori del Gruppo Giovanile 88 e del locale circolo Legambiente che, nel paesino alle porte di Palermo, si occupava di attività socio-culturali e ambientali.
Il 23 maggio del 1992 è tra i primissimi ad arrivare sul luogo della strage. Si allontana dopo che uno dei superstiti dell’attentato, il poliziotto Angelo Corbo (oggi suo carissimo amico), ancora sotto choc, gli punta il mitra contro. Tornato dopo pochi minuti, scatta delle foto che gli vengono sequestrate, foto assenti dagli atti giudiziari e mai più ritrovate. All’indomani della strage, è ideatore e autore, assieme ad alcuni amici, della scritta No Mafia nella casina sulla collina di Capaci, da dove venne azionato l’esplosivo che fece saltare l’autostrada. Oggi, quasi quotidianamente, in quella che è stata ribattezzata la casina No Mafia, si ritaglia un po’ di tempo per incontrare tutti gli studenti che passando da Capaci, vogliano conoscere la storia di quel dannato 23 maggio 1992, e la successiva resistenza dei giovani siciliani.
Il Comitato Addiopizzo è un movimento antimafia italiano, nato e sviluppatosi in Sicilia, impegnato principalmente sul fronte della lotta al racket delle estorsioni mafiose, il cosiddetto pizzo, nato a Palermo nel 2004.
Ha sede a Palermo, in via Lincoln 131, in un appartamento confiscato alla famiglia mafiosa degli Spataro e concesso al Comitato in base alla legge n. 109 del 7 marzo 1996, sul riutilizzo sociale dei beni confiscati alle organizzazioni criminali.
Il giorno successivo, martedì 12 aprile, alle 10.30 al teatro Giacometti di Novi, Antonio Vassallo e Dario Riccobono incontreranno gli studenti del Ciampini Boccardo nell’ambito del progetto di educazione alla legalità.



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA