Riciclaggio di metalli preziosi: in manette banda di Sinti che agiva tra Piemonte e Lombardia

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

Asti – Sei persone di origini Sinti sono state arrestate e 37 chili d’oro sono stati trovati tra monete, gioielli e lingotti in una maxioperazione condotta dai Carabinieri di Asti che ha coinvolto Piemonte e Lombardia.
Le persone finite in manette sono accusate di riciclaggio di preziosi rubati. Nel corso dell’operazione sono stati recuperati anche 15 pistole di grosso calibro e oltre un milione di euro in contanti.
Secondo quanto scoperto dai militari, l’oro, frutto dei furti commessi dalla banda in tutto il Nord Italia, era fuso in lingotti e venduto in fonderie svizzere. Le indagini, coordinate dalla procura di Asti, sono state condotte in collaborazione con il Servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia. In tutto i malviventi avrebbero trafficato almeno cento chili d’oro del valore di 5 milioni di euro.
Le indagini e le perquisizioni hanno coinvolto anche la provincia di Alessandria oltre a quelle di Asti, Torino, Piacenza e Pavia.



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA