Cosa ha fatto nel 2021 l’Ufficio Welfare Animale di Alessandria

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

Alessandria – Nato quattordici anni fa, previsto dal Regolamento ‘Tutela Animali’ approvato nel 2006 e poi modificato nel 2013, l’Ufficio “Welfare Animale” è una realtà ormai ampiamente radicata nel capoluogo e svolge diverse funzioni:
– informazione, sensibilizzazione ed educazione dei cittadini, tramite campagne e corsi di formazione, anche rivolti alle scuole di ogni ordine e grado, e collaborazioni a varie iniziative riguardanti la conoscenza ed il rispetto degli animali e dell’ambiente, la conservazione degli ecosistemi e degli equilibri ecologici. In merito a questo punto, causa restrizioni legate alla emergenza Covid-19, nel 2021 si sono potuti organizzare solo pochi momenti in presenza di pubblico, quali la tradizionale Festa del Canile ‘Cascina Rosa’ e le aperture straordinarie dei canili e gattili. Anche durante la pandemia è comunque continuata la campagna di prevenzione del randagismo, tramite comunicazioni e attente informazioni inviate agli organi di stampa, con la realizzazione e l’affissione di manifesti per la Città, in collaborazione con ATA (Associazione Tutela Animali), con la seconda edizione del programma “Non abbandonarmi” su RadioGold due volte la settimana e pubblicazioni sulla pagina Facebook ‘Welfare Animale’. Un importante momento è stato l’arrivo della troupe di Mediaset della nota trasmissione “Dalla Parte degli Animali”, condotta dall’On. Michela Vittoria Brambilla, che ha effettuato le riprese al canile e gattile sanitario e al rifugio ‘Cascina Rosa’ per incentivare l’adozione degli animali;
– coordinamento di tutti gli Enti (Polizia Municipale, Ispettori Ambientali, Servizio Veterinario dell’Azienda Sanitaria, Forze dell’Ordine e Associazioni Animaliste) per la soluzione dei problemi inerenti il benessere degli animali. Nel 2021 l’ufficio Welfare Animale ha ricevuto e trattato 80 esposti inerenti il maltrattamento e la cattiva detenzione degli animali, che hanno portato al sequestro di 8 cani. Proficua è stata la collaborazione con gli Ispettori Ambientali per quanto riguarda la loro delega al Benessere Animale. Nel 2021 gli Ispettori hanno effettuato ben 295 controlli in materia di benessere animale, 290 controlli per la corretta installazione dei microchip, che hanno portato ad emettere 101 sanzioni.
L’ufficio ha proceduto ad aggiornare la registrazione delle colonie feline per la sterilizzazione, attraverso la convenzione con il servizio veterinario ASL-AL: al 31 dicembre risultano esserci 295 colonie e 303 “gattari”. Nell’anno 2021 sono stati effettuati 119 interventi chirurgici, di cui 97 a femmine e 22 a maschi e a tutti sono stati installati i microchip. Per completezza d’informazione sono circa 1502 femmine e 1197 maschi gli esemplari di gatti che costituiscono le 295 colonie regolarmente registrate;
– gestione del canile sanitario, del canile rifugio, del gattile sanitario gestiti dall’Associazione Tutela Animali (ATA) e del rifugio ‘Panciallegra’ attraverso la stipulazione di apposite convenzioni. Per quanto riguarda il 2021, al canile sanitario sono entrati 142 cani, di cui 93 restituiti al legittimo proprietario, ne sono stati affidati in tutto 25 e purtroppo 14 sono deceduti. I dati del canile sanitario sono indice di una forte riduzione di catture rispetto gli anni passati (circa il 40% in meno) e di una situazione generale migliore nell’ambito del problema del randagismo. Purtroppo oltre il 40% dei soggetti introdotti era senza il microchip. Grazie al lavoro della responsabile e dei volontari circa l’80% dei cani, tra restituzioni e affidi, sono usciti dal canile sanitario. A ‘Cascina Rosa’ sono arrivati 87 cani, nel corso dell’anno e ne sono stati affidati 75, mentre ne sono deceduti 2. Al gattile sanitario sono entrati 48 gatti, 10 restituiti ai proprietari, 44 affidati, 46 deceduti in quanto recuperati a seguito di incidenti stradali o gravemente ammalati. L’abbandono felino, purtroppo, non ha margini di miglioramento.
Al 31 dicembre scorso erano presenti al canile sanitario 21 cani, al gattile 68 gatti e a “Cascina Rosa” 83 cani, di cui 42 del Comune di Alessandria e i rimanenti degli altri Comuni convenzionati.
L’ufficio Welfare Animale ha inoltre rilasciato 3 autorizzazioni sanitarie per attività quali pensioni, toelettature, manifestazioni con animali. Anche quest’anno, grazie ai rigorosi regolamenti comunali, nessun circo presente in città ha effettuato spettacoli con animali.
Inoltre Alessandria è l’unico Comune italiano ad avere un Ambulatorio Veterinario per gli animali d’affezione i cui proprietari hanno difficoltà economiche. Situato al Giardino Botanico comunale “Dina Bellotti” e aperto il martedì e il giovedì pomeriggio, si è potuto riattivare il 4 novembre scorso e in un solo mese e mezzo di apertura, per un totale di 8 pomeriggi, sono state effettuati 21 interventi fra visite, vaccini e identificazioni di animali tramite il microchip.
“Ringrazio ancora una volta tutti i volontari e il personale che presta la propria opera all’interno delle strutture cittadine che accolgono cani e gatti in difficoltà – commenta l’Assessore al Welfare Animale, Giovanni Barosini -. Ribadisco l’altissima attenzione riservata al benessere animale da parte dell’Amministrazione Comunale, nell’augurio che anche nel nuovo anno si possa continuare, con l’impegno di tutti, a migliorare la vita degli amici a quattro zampe nella nostra Città”.



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA