Sabato 29 gennaio si ricorda il capitano Bruno Pasino

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

Alessandria – Si svolgerà sabato 29 gennaio, a partire dalle ore 14:30, la cerimonia del ricordo del Capitano Bruno Pasino, Medaglia d’Oro al Valor Militare, e degli altri tre Partigiani Combattenti, Giacomo Colonna, Osvaldo Caldana, Maurizio Guichard, caduti a Casalbagliano il 30 Gennaio 1945.
Nel dettaglio la programmazione della commemorazione per il 77° anniversario prevederà:
Sala del Consiglio Comunale – Palazzo Comunale – ore 14:30
Intervento commemorativo a cura delle Amministrazioni Comunale e Provinciale di Alessandria

Sobborgo di Casalbagliano – Monumento ai Caduti – ore 15:30
Onore ai Caduti, deposizione di Corone e fiori al Monumento, lettura della motivazione della Medaglia d’Oro al Valor Militare al Capitano Bruno Pasino e della Epigrafe.

Comune di Solero
Chiesa Parrocchiale di San Perpetuo – ore 16:00
Intervento commemorativo a cura dell’Amministrazione Comunale di Solero
Riflessioni multimediali “A ricordo di Bruno” a cura degli studenti degli Istituti Scolastici della provincia di Alessandria
Conclusioni a cura della Federazione Provinciale dell’Istituto del Nastro Azzurro

ore 17:00
Santa Messa in Suffragio dei Caduti

La cerimonia è promossa dall’Amministrazione Comunale di Alessandria, dall’Amministrazione Comunale di Solero, dalla Federazione Provinciale dell’Istituto del Nastro Azzurro, da A.N.F.C.D.G. – Associazione Nazionale Famiglie Caduti e Dispersi in Guerra e da A.N.P.I. – sezione provinciale di Alessandria e si avvale del patrocinio dell’Amministrazione Provinciale di Alessandria e dell’Ufficio Scolastico Regionale – Ufficio IV e Ambiti territoriali di Alessandria e Asti.
Epigrafe posta alla base del monumento ai Partigiani trucidati sulla strada Alessandria-Casalbagliano nella notte tra il 30 e il 31 Gennaio 1945

Tu che passi ricorda all’itala gente
che rei di aver amato la libertà
noi qui cademmo vittime innocenti
di una ondata di follia
che fratelli contro fratelli
portò a lottare
né ci fu di conforto l’aspro pugnar
che inermi ed incatenati qui
fummo portati
e ferocemente massacrati.
Non vendetta ma giustizia noi chiediam
perché tanta ignominia
non s’abbia a replicar

Tenente Partigiano PASINO BRUNO
Partigiano COLONNA GIACOMO
Partigiano CALDANA OSVALDO
Partigiano GUICHARD MAURIZIO
(Foto tratta da Istituto del Nastro Azzurro).



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA