Pusher scappano nella neve, la caccia all’uomo finisce con due arresti

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

Nell’ambito dei servizi svolti dai Carabinieri di Novi Ligure, una pattuglia dell’aliquota radiomobile, in servizio di perlustrazione in aree note per attività di spaccio, ha incrociato una vettura sospetta con a bordo due occupanti e ha tentato di fermarla. Tuttavia, l’auto si è repentinamente data alla fuga, tallonata dall’autoradio, fino a che, in frazione Merella di Novi Ligure, l’auto ha fermato la marcia e i due occupanti si sono dati alla fuga nei campi. L’equipaggio ha segnalato la direzione di fuga alla Centrale Operativa della Compagnia, la quale ha fatto rapidamente convergere i Carabinieri dell’Aliquota Operativa e delle stazioni di Novi Ligure e Cassano Spinola nella zona interessata dalle ricerche.

Tutti i Carabinieri coinvolti hanno quindi cinturato l’area, anche percorrendo l’autostrada, e una volta scesi dagli automezzi hanno cominciato a stringere il cerchio sui due fuggitivi, le cui figure e le tracce erano ben visibili nella neve. La fuga è stata interrotta dai Carabinieri dell’Aliquota Operativa, che hanno anche recuperato nei campi quattro involucri contenenti complessivamente 120 grammi di eroina e 5 di cocaina.

I due fuggitivi di origine marocchina, 30enne gi con pregiudizi di polizia, uno dei quali irregolare, sono stati arrestati per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio e resistenza aggravata.



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA