Pernigotti, J.P. Morgan e il regalo di Natale ai Novesi

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

Entro la fine di settembre è previsto il passaggio di proprietà della Pernigotti e di tutti gli asset (compreso l’unico stabilimento di Novi Ligure) al gruppo finanziario internazionale JP Morgan che ha promesso l’immediata riapertura dello stabilimento. Per garantire la produzione natalizia sarà riattivato lo stabilimento il prima possibile.

“Dopo molti anni è stato finalmente presentato un piano industriale dettagliato e di prospettiva che
valorizza il marchio storico Pernigotti, rilancia la produzione dello stabilimento di Novi Ligure e
tutela i livelli occupazionali attualmente in forze, con importanti prospettive di formazione e
riqualificazione professionale. Accogliamo quindi positivamente l’acquisizione da parte di J.P.
Morgan e la sinergia con Walcor esplicitata nel piano strategico presentato oggi, auspicando una
sua rapida attuazione”.
Lo dichiarano Fai Flai e Uila, dopo l’incontro svolto oggi in videoconferenza con i Ministeri del
Lavoro e dello Sviluppo Economico, al quale hanno partecipato i rappresentanti delle aziende
coinvolte e delle Regioni Piemonte e Lombardia.
“In attesa di valutare attentamente i contenuti del piano entro il prossimo incontro, previsto per il 12
settembre, auspichiamo una valutazione positiva anche da parte della direzione generale degli
ammortizzatori sociali, per la proroga della cassa integrazione scaduta lo scorso 30 giugno”
concludono i sindacati.



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA