Mucchi di plastica abbandonata in una vecchia serra

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

Le enormi serre, ormai vuote e abbandonate in cui un tempo erano presenti piante e fiori, avevano trovato un altro uso, illecito. I Carabinieri del NOE di Alessandria, infatti hanno trovato a Castellazzo Bormida nella vecchia sede di una impresa dedita alle coltivazioni floreali – ora fallita – una vera e propria discarica abusiva di materiali vari,in gran parte composta da plastica compressa, segno di una lavorazione industriale già effettuata.

Nei ventimila metri quadrati di capannoni coperti i carabinieri hanno trovato una gran quantità di spazzatura e plastiche stoccate, prevalentemente all’interno delle serre precedentemente utilizzate per coltivare i fiori, in parte esposti alle intemperie ed a diretto contatto con il terreno, e posizionati in modo ‘strategico’, tale da risultare celati alla visione dall’esterno dell’area.

L’area ed i rifiuti, stimati in circa 70 metri cubi, sono stati sottoposti a sequestro a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Alessandria, mentre i proprietari dei terreni interessati dovranno rispondere dei reati ambientali di gestione illecita di rifiuti speciali non pericolosi e deposito incontrollato.



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA