Rapina sul treno, i passeggeri si rivoltano e lo fermano

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

Poco prima delle undici del mattino, dello scorso 7 settembre, su un treno regionale in arrivo alla stazione ferroviaria di Arquata Scrivia, un viaggiatore ha ripetutamente colpito al collo una giovane nigeriana, con l’intento di impossessarsi del suo telefono cellulare.
Autore della rapina è un diciannovenne marocchino residente nell’alessandrino, il quale, dopo aver colpito la donna e preso il suo telefono, si è velocemente dato alla fuga lungo la carrozza, ma è stato fermato da altri viaggiatori che, attirati dalle grida della ragazza, lo hanno prontamente fermato.
La vittima, una giovane nigeriana anch’essa ventenne e residente in provincia di Genova, lo ha raggiunto recuperando il proprio cellulare anche grazie all’aiuto della Polizia Ferroviaria di Novi Ligure che, allertata dal Capo Treno, è prontamente intervenuta sul posto. La giovane è stata poi visitata presso il locale Nosocomio per accertamenti sul suo stato di salute.
L’uomo, accompagnato presso gli Uffici della Polfer di Arquata Scrivia per i primi accertamenti, dai quali è risultato avere a carico diversi precedenti giudiziari specifici.



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA