Cuspo Rugby: l’Under 19 vince il “Trofeo Delle Alpi”

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

Alessandria – Per la prima volta una compagine piemontese raggiunge un risultato importante nell’ambito del rugby del Nord Ovest.
Si tratta dell’Under 19 dei Cus piemontesi, mista tra Cus Torino e ragazzi del Cus Piemonte Orientale, che ha conquistato il Trofeo Delle Alpi, competizione dedicata alle squadre del Nord Ovest (Piemonte, Liguria, Lombardia), spesso appannaggio dei rugbysti oltre il Ticino. La finale contro il Monferrato è stata vinta per 13 a 8, in cui i ragazzi hanno dimostrato di interpretare bene la partita fin dall’inizio.
“I ragazzi sono stati bravi: abbiamo raggiunto la finale per la prima volta e per questo c’è ancor più soddisfazione nel risultato – il commento del coach Cuspo Luigi Castucci – i nostri ragazzi chiamati in causa durante la partita si sono fatti trovare pronti e pieni di grinta”.
Domenica prossima si volgeranno le final eights con le otto migliori squadre italiane, dal momento che Cus Torino (con il CUSPO) è arrivata prima nel campionato del Nord Ovest. Partita subito impegnativa contro Benetton Treviso.
Nel Trofeo Mari e Monti, la seniores CUSPO è stata battuta nella gara di ritorno per il 1 e 2 posto da Unione Monferrato B per 27 a 16. All’andata i ragazzi sul campo di Casalbagliano erano riusciti ad agguantare la vittoria all’ultimo minuto. Anche questa volta sembrava che il match si fosse incanalato sui binari giusti: “Il primo tempo lo abbiamo condotto sempre in vantaggio – commenta il DS, Giancatrlo Casarin – è stata una partita dai due volti. Gli avversari nella seconda parte hanno preso in mano il gioco. Peccato perché con un po’ più di attenzione avremmo potuto avere un risultato diverso, a nostro favore”, conclude, complimentandosi comunque con i ragazzi che si sono spesi molto: “Ora testa alla finale per il terzo posto”.
La partita sarà analizzata per cercare di non commettere gli stessi errori: “Il nostro sistema difensivo è stato tutt’altro che impeccabile”, commenta il DT, Lorenzo Nosenzo, “La minor esperienza nel gestire il campo in situazioni di vantaggio ha fatto il resto”.
L’11 maggio la sezione Rugby del CUSPO ha organizzato un clinic di reparto sulla touche e sul collettivo nei punti di incontro, con un esperto d’eccezione: Luca Bigi, tallonatore delle Zebre Rugby e della Nazionale. Con allenatori e atleti si è parlato di touche, timing, solidità e movimento del blocco di salto – formazione maul in attacco. L’incontro ha visto la partecipazione di molti atleti e coach delle varie squadre Cuspo che hanno ascoltato e si sono confrontati con l’ospite d’eccezione.
Nicolas Epifani, responsabile tecnico, ha organizzato l’evento: “Bigi ha svolto un intervento sulla rimessa laterale e sui punti di incontro. La proposta tecnica è stata molto interessante e c’è stato un buon coinvolgimento da parte degli atleti juniores. Vorrei ringraziare Luca Bigi per il tempo dedicatoci e i tecnici delle società partner e i ragazzi delle U15 e U17 che hanno partecipato al clinic”.
L’importanza di incontri come questi è sottolineata anche dal Segretari Generale CUSPO, Alessio Giacomini: “Nell’ottica di puntare sempre sulla formazione dei tecnici e dei giocatori si è inserito il clinic di Luca Bigi che ringrazio per disponibilità e professionalità dimostrata con i ragazzi e gli allenatori in campo”, ha commentato, “Ringrazio inoltre le società intervenute con tecnici e giocatori e le Zebre Rugby per la disponibilità. Sono incontri che cercheremo di ripetere con Luca ed altri protagonisti del mondo della palla ovale. Credo che per un ragazzo avere esempi in campo e in allenamento come Luca – giocatore azzurro e delle Zebre – sia un ulteriore stimolo a crescere”.



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA