Fermato il presunto omicida del portiere dell’hotel Londra

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

E’ stato fermato il presunto autore dell’omicidio di questa notte ai danni del portiere dell’hotel Londa. L’uomo, 46 anni, senza fissa dimora e già noto alle forze dell’ordine è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto a fronte – dicono i carabinieri – dei molteplici, univoci e concordanti indizi raccolti dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile e delle stesse sue prime ammissioni, verbalizzate alla presenza del suo difensore.

L’uomo, già noto alle Forze dell’Ordine, era stato subito individuato e bloccato, nonostante
un tentativo di fuga, sul luogo del rinvenimento del cadavere, dai militari delle pattuglie prontamente intervenute a seguito della segnalazione della presenza di un corpo a terra nella hall dell’albergo pervenuta al “112” poco dopo l’una. Segnalazione poi risultata opera di un abitante della zona che, nel transitare dinanzi all’ingresso della nota struttura ricettiva, aveva visto il corpo della vittima, esanime, visibilmente oggetto, poco prima, di una violenta e mortale aggressione.


Il portiere notturno si chiamava Alberto Faravelli, 69 anni. Abitava a Tortona.



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA