L’Alessandria contro il Cosenza incassa il terzo ko di fila: e la classifica si complica

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

Cosenza (Cosenza 2 – Alessandria 1) – Terzo stop di fila per l’Alessandria che a Cosenza incappa in un’altra sconfitta ed è raggiunta, in zona playout, proprio dalla compagine allenata da Bisoli. In vantaggio nel primo tempo con la rete di Di Gennaro su calcio d’angolo, la squadra allenata da Longo si è poi spenta nella ripresa, subendo dapprima il pareggio e poi, su rigore, il sorpasso da parte di una compagine che ha dimostrato di avere decisamente più “fame”.
La cronaca.
Nella formazione titolare cambiano quattro elementi rispetto alla gara con il Perugia: Mattiello torna ma a sinistra, con Lunetta a destra. Mustacchio parte dalla panchina.
In difesa Mantovani a riposo e la coppia Prestia e Di Gennaro dall’inizio con Parodi schierato a destra. Casarini riprende il suo posto a centrocampo.
In attacco Chiarello insieme a Corazza e Kolaj.
Al 5′ Casarini pesca bene Corazza, che incrocia a cercare l’angolino alto, la difesa del Cosenza salva.
Al 25′ bella ripartenza, sponda Cosenza, di Laura, chiude bene Di Gennaro.
Al 29′ passano in vantaggio i Grigi: secondo angolo, dalla bandierina di destra Casarini, sale Di Gennaro che di testa insacca.
Al 44′ tentativo di invasione di campo: un tifoso cosentino va ad abbracciare il portiere Vigorito. Bloccato dagli steward.
Al 46′ pericolo per l’Alessandria: sulla conclusione di Caso, prima respinge Pisseri, poi lo aiuta anche Di Gennaro.
La prima frazione si chiude senza ulteriori episodi da segnalare.
Nella ripresa nel Cosenza entra Larrivey per Gerbo, nel primo tempo era entrato Voca al posto dell’infortunato Palmiero.
Al 3′ percussione di Kolaj che entra in area e, quasi a tu per tu con il portiere inciampa.
Al 6′ doppio cambio per l’Alessandria: Palombi e Mustacchio per Kolaj e Mattiello
Al 16′ pareggia il Cosenza con il colpo di testa vincente di Camporese su calcio d’angolo.
Al 36′ passa in vantaggio il Cosenza: fallo di Parodi su Larrivey in area alessandrina. L’arbitro Mariani di Aprilia concede il calcio di rigore. Dal dischetto va lo stesso Larrivej che batte Pisseri.
Al 37′ altri due cambi per i piemontesi: Fabbrini e Gori per Chiarello e Casarini.
Dopo 5′ di recupero il triplice fischio. Il Cosenza, in classifica, aggancia proprio l’Alessandria a quota 23 punti. Martedì 1 marzo, al “Mocca” alle 20:30, arriva il Como, cliente certamente non facile.

Cosenza (3-5-2): Vigorito; Camporese, Rigione (st 13′ Sy), Vaisanen; Gerbo (1’st Larrivey), Kongolo, Palmiero (23’pt Voca), Florenzi (39’st Millico), Situm; Caso, Laura. A disp.: Matosevic, Carraro, Pandolfi, Venturi, Vallocchia, Bittante, Hristov, Sarri.All.: Bisoli
Alessandria (3-4-3): Pisseri; Parodi, Di Gennaro, Prestia; Lunetta, Casarini (37’st Fabbrini), Ba (41’st Milanese), Mattiello (st 6′ Mustacchio); Chiarello (37’st Fabbrini), Corazza, Kolaj (st 6′ Palombi). A disp.: Crisanto, Cerofolini, Gori, Benedetti, Mantovani. All.: Longo
Arbitro: Mariani di Aprilia
Reti: pt 29′ Di Gennaro; st 16′ Camporese, 36′ Larrivey rig.
Ammoniti: , terreno in discrete condizioni. Spettatori: 2500 circa. Ammoniti: Casarini, Lunetta per gioco falloso, Venturi dalla panchina
Corner: 2-7
Recuperi: 3+5
Note: cielo coperto, leggero vento, terreno in discrete condizioni. Spettatori: 2500 circa. La partita è inizia 5′ dopo l’orario, per la mobilitazione di tutto il calcio italiano contro la guerra.



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA