Uiltucs sulla proposta delle Terme di Acqui spa ai lavoratori: “terribile e ai limiti della legalità”

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

Acqui Terme – Acqui Terme – Senza peli sulla lingua il sindacato Uiltucs Uil quando, nel corso dei colloqui individuali tra i lavoratori del comparto termale, circa 15 dipendenti, e la Dirigenza di Terme di Acqui spa, ha definito la proposta dell’azienda termale “terribile e anche al limite della legalità”.
Nello specifico, come sottolineato dal sindacato, “si propone di modificare il contratto di assunzione passando da un tempo indeterminato ad un tempo determinato con conseguente svuotamento dell’azienda dai dipendenti e l’introduzione di precarietà, flessibilità e perdita di tutti i diritti acquisiti nel corso degli anni di lavoro. La proposta si basa su soli 6 mesi di effettivo lavoro, per il 2022 da aprile a metà novembre, e di ulteriori 6 mesi di Naspi, ovvero in disoccupazione. Si propone quindi di utilizzare un meccanismo Inps destinato alla perdita involontaria del posto di lavoro, ai soli fini aziendali di annullare completamente i dipendenti al libro paga. La natura della Naspi non è sicuramente questa!”
Secondo Uiltucs “questa proposta nasconde un doppio sacrificio: da una parte la totale precarizzazione del lavoro e dall’altra l’utilizzo di una risorsa Inps a disposizione dei lavoratori che verrebbe erosa nell’arco di due anni e quindi con ulteriore beffa per chi rimasse, nel prossimo futuro, senza lavoro. Se lo scopo è la riduzione delle settimane lavorative perché non prendere in esame le proposte fatte dalle Organizzazioni Sindacali? In primis l’utilizzo degli ammortizzatori sociali le cui risorse nascono proprio per far fronte alle crisi aziendali e ai piani di ristrutturazione.”
“Si continua ad intravedere – ha concluso il sindacato – il solo scopo di liberarsi dei dipendenti. Altrimenti non si spiegherebbe il perpetuarsi delle decisioni finalizzate alla riduzione, licenziamento e precarizzazione. Nel piano industriale non si vedono note positive che valorizzino la professionalità dei dipendenti, e la ricchezza delle acque delle termali. Ancora una volta si chiede ai lavoratori di sacrificare se stessi e alla città di sacrificare il proprio patrimonio.” (Foto tratta da portaleterme.com).



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA