Maxitruffa sui fondi Covid: dieci arresti da parte della Guardia di Finanza di Asti

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

Asti – Dieci misure cautelari, personali, di cui otto in carcere e due ai domiciliari, col sequestro preventivo di conti correnti, imbarcazioni di lusso, immobili e società, il tutto in esecuzione di un provvedimento cautelare emesso dal GIP presso il Tribunale di Asti, allo stato delle emergenze investigative e fatte salve le successive valutazioni di merito.
E’ il risultato dell’operazione “Warranty”, scattata stamane alle prime ore del mattino, del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Asti, sotto il coordinamento della locale Procura della Repubblica, col supporto anche dei Finanzieri dei Reparti territorialmente competenti, che ha consentito di disarticolare un gruppo organizzato attivo tra astigiano, Lombardia, Lazio e Sardegna. Secondo quanto scoperto dalle Fiamme Gialle l’organizzazione, utilizzando false identità, otteneva finanziamenti come “fondo garanzia Covid” e prestiti bancari. Una truffa da più di 20 milioni di euro.



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA