Il Venture Capital cresce ancora in Italia: nel 2021 superato il miliardo di capitali raccolti

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

Roma – In base allo studio realizzato da EY per analizzare l’andamento degli investimenti di venture capital nelle startup e scaleup italiane, gli investimenti in Venture Capital in Italia nel 2021 hanno raggiunto e superato la soglia del miliardo di euro, toccando i 1.243 milioni di euro (+118% rispetto ai 569 milioni di euro del 2020) con circa 334 deal (rispetto ai 111 dell’anno precedente).
“Nel 2021 gli investimenti di Venture Capital hanno continuato a crescere in Italia. Questo è stato possibile grazie al superamento delle restrizioni legate allo scoppio della pandemia e al generale clima di fiducia e crescita nella nostra economia. Inoltre, proprio l’emergenza sanitaria legata al Covid-19 ha determinato cambiamenti nei comportamenti di consumo e nei modelli operativi delle aziende, in risposta ai quali molte startup hanno ridefinito il proprio posizionamento e la propria strategia e per questo sono state premiate dal mercato e dagli investitori” – commenta Marco Daviddi, Strategy & Transactions Markets Leader Europe West, EY.
Stando a quanto messo in luce dall’EY Venture Capital Barometer, i round con investimento superiore ai 20 milioni di euro sono più che raddoppiati rispetto all’anno precedente: 12 round per un totale di 657 milioni di euro di investimento nel 2021, rispetto ai 6 da 245 milioni di euro del 2020. Questo a riprova di una rinnovata fiducia degli investitori, disponibili a dare un’iniezione di capitale superiore e maggiore supporto alle realtà del Paese.
L’EY Venture Capital Barometer ha evidenziato un incremento notevole del numero di deal delle società in fase Pre-Seed/Seed (dai 53 del 2020 ai 233 deal del 2021), ponendo le basi per una crescita negli anni futuri ancorata ad una ampia base di aziende emergenti.
“Segnali incoraggianti – ha affermato ancora Marco Daviddi – per un’ulteriore fase di crescita e di maturità del sistema. In molte economie europee la crescita degli investimenti in innovazione attraverso startup sta avvenendo a ritmi superiori a quelli che osserviamo in Italia. Questo è dovuto a molti fattori, tra cui una più ampia disponibilità di risorse attivabili, non solo di provenienza pubblica, e un sistema di infrastrutture e servizi più capillare. Diverse iniziative, anche connesse al PNRR, perseguono obiettivi che possono consentire al Venture Capital di raggiungere un nuovo livello. Ad esempio, l’iniziativa del Ministero dell’Università e della Ricerca per la formazione di Centri Nazionali di ricerca ed ecosistemi di ricerca e innovazione, anche nel Sud Italia, sarà funzionale a liberare risorse oggi non ancora messe a sistema. Importante vedere, inoltre, come il Governo, attraverso il MISE, ha recentemente stanziato ulteriori 2,5 miliardi di euro per il sostegno a start up e PMI innovative”.
Gianluca Galgano, EY Startup and Venture Capital Leader, ha invece aggiunto che “ulteriori segnali incoraggianti provengono dall’esuberanza che ha mostrato il 2021 rispetto agli anni passati in termini di eventi di liquidità o cosiddette “exit” (tipicamente Initial Public Offering e operazioni straordinarie di M&A). Le exit, infatti, sono una componente fondamentale di un ecosistema di start up maturo, in quanto permettono la redistribuzione della liquidità verso gli investitori rilanciando il volano degli investimenti con un effetto moltiplicativo. Su questo, l’Italia dimostra ancora una certa immaturità nella valorizzazione delle proprie imprese in fase di scale up e conseguentemente nel numero di eventi di liquidità. Ma il percorso tracciato nel corso del 2021 e in questo primo mese del 2022 lascia spazio a un cauto ottimismo per il nostro Paese.”
Il terreno più fertile e promettente per le startup italiane, sia per numero di operazioni (175) che per capitali raccolti dalle proprie imprese (66,2% della raccolta totale) è la Lombardia ma comunque il trend si è confermato positivo per tutto il Nord Italia comprendendo Piemonte, Emilia-Romagna, Toscana e per il Centro, in particolare per il Lazio. Meno rassicuranti al contrario i dati del Sud Italia, che nel 2021 ha contribuito per una percentuale esigua al record raggiunto.
Per quanto concerne la parte settoriale, è il Foodtech a piazzarsi primo in classifica con oltre 260 milioni di euro raccolti, rappresentato da alcuni dei round più di successo dell’anno quali Everli, Cortilia e Tannico.
A seguire si riconferma d’interesse per gli investitori il Fintech con circa 255 milioni di euro raccolti, rappresentato quasi interamente dal risultato di Scalapay. Conquista il terzo posto il settore Energy con circa 164 milioni di euro, grazie all’operazione conclusa da Newcleo (startup che sviluppa tecnologie per la produzione di energia nucleare pulita). Al quarto e quinto posto, rispettivamente con circa 147 e 99 milioni di euro, i settori Proptech e Health & Lifescience. Foodtech, fintech, energy, proptech e health & lifescience rappresentano circa il 75% della raccolta totale dell’anno.
L’anno scorso le cinque operazioni che hanno raccolto i finanziamenti più consistenti sono quelle che hanno interessato: Scalapay (che nel 2021 ha chiuso due round da circa 140 milioni di euro e 40 milioni di euro); Newcleo (che ha raccolto circa 100 milioni di euro); Casavo (che ha totalizzato complessivamente 90 milioni di euro in due round); Everli (con un investimento di 85 milioni di euro) e BrumBrum (finanziata per 65 milioni di euro).
Sessantasei le operazioni di investimento censite in startup con strategia e focus aziendale sui temi della sostenibilità, per un totale di circa 290 milioni di euro, pari a circa il 25% del totale. Nel 2020 nel medesimo settore si erano registrate 21 operazioni, per un totale di circa 118 milioni di euro.
Secondo Marco Daviddi “il 2021 sarà certamente ricordato per il modo in cui l’ESG e le questioni di sostenibilità sono arrivate in cima alle agende degli investitori finanziari e dei fondi di PE; i fondi di Venture Capital non sono e non saranno da meno, con sempre maggiore focalizzazione e veicoli di investimento dedicati alle sfide ambientali e sociali dei prossimi anni.”



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA