Delitto via Parma, arrestato un alessandrino

Le impronte sulla scena del crimine

Andrea Casarin, alessandrino residente a Pavia, è stato arretstao per l’omicidio di Altagracia Gil. Quattordici anni dopo il fatto.

All’epoca lui aveva 34 anni ed era sconosciuto alle forze dell’ordine. Le impronte e il dna lasciato un po’ ovunque dall’assassino nell’apartamento della ragazza era infatti finito nella banca dati ‘ignoti’.

Casarin era stato arrestato per questioni di droga (attendeva un corriere, proprio dominicano), ma nel 2013. Solo dopo altri sette anni i due dati sono stati incrociati, trovando il ‘match’.

Le impronte di Casarin sono sulla scena del delitto. Tra i reperti incriminanti ci sarebbe anche un mozzicone di sigaretta, compatibile con l’uomo.

Sul suo profilo Facebook Casarin aveva scritto quella che per lui è una frase significativa che rispecchi ala sua indole: “Trattami bene e ti porterò rispetto, trattami male e ti pentirai il giorno che mi ai conosciuto. ⚡️👊” (scritta così)

foto da facebook