Brucia ancora la discarica. Post e megafoni per avvisare

whattsapp

Vandali o ‘politica’, chi sono i responsabili?

E’ la seconda volta in pochi giorni

L’incendio nella discarica di Castelceriolo (AL) è ancora attivo, a causa della vastità del rogo. I fumi tossici sono in balia dei venti. Questa mattina presto tiravano verso San Giuliano, poi hanno per fortuna incominciato a salire verso l’alto. I monitoraggi dell’ARPA non hanno riscontrato superamenti dei parametri di inquinamento dell’aria. Stanotte una parte dei fumi dell’incendio della discarica di Castelceriolo (AL) è caduta nella zona agricola di Lobbi e San Giuliano Nuovo a nord dell’impianto. Arpa ha misurato valori di 300 microgrammi al metrocubo di Composti Organici Volatili e presenza di Acido Cianidrico.

L’avviso diramato ieri notte sulla chiusura delle finestre è rientrato: al momento è possibile tornare alle normali condizioni ed uscire senza problemi. Se si avvertisse odore acre nell’aria, ripararsi in luoghi chiusi.

L’impiego di condizionatori che non utilizzano pescaggio e ricircolo con l’ambiente esterno ma adottano split interni alle abitazioni è consentito senza limitazioni.

L’Amministrazione Comunale di Alessandria, sentiti i Vigili del Fuoco, la Protezione Civile e l’ARPA, comunica che sono sotto controllo le fiamme che erano divampate ieri nell’impianto della discarica ARAL di Castelceriolo.

Polemiche per le informazioni in tempo reale

Se il Comune di Alessandria parla di “Doveroso messaggio precauzionale diffuso ieri sera e riguardante le popolazioni di Castelceriolo, Cascinagrossa, Spinetta Marengo e anche della zona Pista ad Alessandria”  e l’assessore Paolo Borasio tenti di spiegare come funziona la comunicazione in caso di emergenza:

Sono passate macchine dei vigili urbani dotate di megafoni con a bordo volontari della protezione civile a Spinetta, Castelceriolo, Cascinagrossa e nel quartiere Pista. Mi ha scritto più di una persona che abita in quel quartiere per dirmi che erano passati. Spero che siano passati in tutte le vie, se così non è stato me ne dispiace.

Sono tanti i cittadini che lamentano di non aver sentito gli avvisi di precauzione né di aver avuto notizia dell’incendio. 

Il sito ufficiale del Comune di Alessandria è chiuso per ferie: l’ultima notizia risale alla presentazione degli spettacoli estivi.

Twitter addirittura non viene aggiornato dal giorno dell’insediamento del sindaco Cuttica.

L’unico canale di informazioni ufficiale di Palazzo Rosso, della Protezione è Facebook. D’accordo che sia il social network più utilizzato in Italia, ma non tutti sono attaccati allo smartphone tutto il giorno (è comunque un buon motivo per seguire la pagina comunale, per il futuro). 

Dover poi seguire i profili personali degli assessori per sapere qualche aggiornamento in più, non solo è poco ‘istituzionale’, ma è anche molto avvilente.

whattsapp

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.