Canile abusivo a Valle San Bartolomeo, disagio per un centinaio di cani

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

Una situazione di grande patimento per un centinaio di cani, denutriti, costretti a vivere in un luogo sporco e che mal si sposava con le loro esigenze, infestati da zecche, trattati in modo disumano e anaffettivo. Succede a Valle San Bartolomeo, dove all’esterno di un’abitazione è stata segnalata la presenza di canile abusivo. Si è parlato di questo nella riunione della conferenza Stampa che si è svolta il 2 Maggio alla Sala Giunta del Palazzo Comunale. Molte le figure presenti per discutere sull’accaduto: l’assessore al Welfare animale Maria Teresa Grotta, il direttore della direzione comunale competente Gianpiero Garruti, il rappresentante del comando della Polizia Municipale, il responsabile dell’area A del servizio veterinario dell Asl Al Gianpiero Rizzola, il responsabile del Benessere animale dell Asl Al Franco Piovano, il tecnico della prevenzione del servizio veterinario dell Asl Al Simona Straffi, i responsabili del servizio di igiene e sanità pubblica dell Asl Al, la presidente dell’associazione ATA Elena Gamalero, e le guardie zoofile dell’ Enpa. L’episodio era già stato segnalato in passato, e gli accertamenti avevano evidenziato come una cinquantina di cani fossero tenuti in modo a dir poco disumano, in un luogo non attrezzato per la loro permanenza. L’amministrazione comunale d’intesa con il servizio veterinario Asl Al e i volontari dell’associazione ATA effettuava ulteriori sopralluoghi per sollecitare la risoluzione del problema. Una nuova visita sul posto, il 19 aprile, ha però evidenziato come il contesto fosse addirittura peggiorato. A questo punto l’Amministrazione ha deciso di intervenire, molti dei cani sono stati prelevati e portati nella struttura “Cascina Rosa”, e visto il grande numero, alcuni sono ricoverati anche nel canile sanitario di Tortona e in quello dei Quarti di Fresonara, mentre l’abitazione adibita a canile abusivo è stata sottoposta a sequestro e dichiarata inbitabile . Un provvedimento volto a tutelare al massimo la salute degli animali, che meritano di vivere un esistenza ricca di premure e affetto.



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA