Le condizioni di Demetra, cagnolona sequestrata per maltrattamenti

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

Valmacca – Si chiama Demetra ed è la cucciolona mix Golden Retriever che è stata salvata dai Carabinieri di Ticineto alcuni giorni fa. Il cane era stato trovato in una stanza di un’abitazione senza alcuna possibilità di uscire e in condizioni totalmente incompatibili con il suo benessere. Le condizioni igieniche della stanza erano pessime, tra deiezioni mai rimosse e rifiuti (anche diversi vetri rotti dove poteva ferirsi). Ancora più grave però è apparso il suo stato di salute, dato che era evidentemente denutrita e non aveva alcun accesso all’acqua.
Demetra è stata affidata ai volontari della Sezione LNDC di Casale Monferrato, che l’hanno accolta nel rifugio da loro gestito. La cucciolona è stata sottoposta a visita veterinaria che ha evidenziato gravi problemi di salute da cui è purtroppo affetta a causa del modo in cui è stata trattata. La visita ha anche evidenziato la presenza di parassiti esterni e interni, in particolare di Dirofilaria che può causare problemi cardiaci. Per questo motivo Demetra sarà presto sottoposta anche a visita cardiologica. Inoltre, la grave malnutrizione subita ha comportato uno sviluppo deviato delle zampe anteriori, la cui condizione dovrà essere ora valutata da un ortopedico.
“I nostri attivisti di Casale Monferrato si stanno prendendo cura di lei e faranno tutto il possibile per farla stare bere, nella speranza di poter trovare un’adozione speciale per questa povera cucciolona che ha già sofferto tanto – ha fatto sapere Piera Rosati, Presidente LNDC Animal Protection – nel frattempo, i nostri legali sono già al lavoro per denunciare il proprietario di Demetra ai sensi dell’art. 544-ter del Codice Penale che punisce il maltrattamento di animali con la reclusione da 3 a 18 mesi o con la multa da 5.000 a 30.000 euro. Siamo sempre convinti che queste pene siano insufficienti e che un reato così abbietto meriterebbe una punizione più severa, ma comunque auspichiamo che il giudice si renderà conto della gravità e prenda provvedimenti seri a carico del maltrattatore. Nessun essere vivente, umano o altro animale, merita di vivere in quelle condizioni ed è ora che le leggi e la magistratura diano un segnale di tolleranza zero verso chi opera in questo modo.“ (Foto tratta da Il Piccolo).



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA