Corso Acqui punta alla qualità, basta con le feste disorganizzate

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

Il gruppo dei commercianti di corso Acqui non si arrendono. Nonostante il non entusiasmante risultato della festa del 2 dicembre, si pensa già a puntare più sulla qualità che sulla quantità, con un paio di eventi all’anno di richiamo. Si pensa già alla festa di primavera del 6 e 7 aprile.  Si chiamerà “Corso Acqui alla Ribalta” e vedrà la partecipazione di quasi 200 stand  da via Carlo Alberto fino verso la don Bosco.  La manifestazioni si articolerà dalle ore 18 del sabato alle e la domenica dalle 8 alle 23. Si punta a realizzare una manifestazione divisa a settori con stand di qualità: antichi mestieri, antiquariato, street food, animazioni con scuole di ballo, palestre, Ballo, Palestre, dj set e gruppi musicali, Associazioni, eventi medievali Sbandieratori, Banda, Majorettes, Bersaglieri… Musica e tanto altro. Spazio anche per i fiori e il vino.

Il presidente Roberto Mutti e Stefano Venneri, organizzatori a tutti gli effetti, hanno già incontrato associazioni e partners per creare un grande evento, grazie anche alla disponibilità e all’entusiasmo dei commercianti di corso Acqui.



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA