Tir furbetti, la scorciatoia nei paesi scatena la polemica

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

Non sono serviti cartelli, limitazioni. Neppure petizioni per cercare di regolare il traffico pesante che già di per sé non potrebbe transitare in quelle vie strette, tra Bosco Marengo, Pollastra e Quattro Casine. La quiete della campagna alessandrina è infatti rovinata dal passaggio di molti tir, anche di lunghe dimensioni, che per trovare sempre nuove scorciatoie verso l’Interporto di Rivalta Scrivia ‘tagliano’ per i borghi. Con buona pace della segnaletica e dei divieti. Gli abitanti avevano addirittura presentato in Provincia una petizione, chiedendo il rispetto delle norme o un sistema di videosorveglianza che punisse i camionisti indisciplinati.

La questione è finita sul tavolo del Consiglio di Palazzo Ghilini, con una interrogazione di Giovanni Barosini.

 



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA