Demolizione ex Piccadilly, “basta con le speculazioni”

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

Ruspe all’ex bar Piccadilly in azione, ma subito ferme senza sapere il perché. Ecco che si sono scatenate polemiche, lamentele e invettive per un cantiere bloccato a poche ore dall’apertura. Ma per evitare e stroncare illazioni, interviene l’Assessore ai Lavori Pubblici
Giancarlo Cattaneo:

“Tengo a precisare che l’Amministrazione Comunale ha per tempo segnalato all’ASL la presenza di amianto (accertata attraverso una serie di indagini e campionamenti), in una parte della struttura del Bar Piccadilly. Era necessario consegnare il cantiere per consentire alla ditta appaltatrice di redigere il piano di smaltimento dell’amianto che inizierà non appena si avranno le necessarie autorizzazioni da parte dell’ASL. I controlli avvenuti ieri da parte dello Spresal riguardavano la sicurezza sul luogo di lavoro e, se si sono rilevate irregolarità, sarà la ditta appaltatrice a risponderne, o a giustificarsi, o a subirne le sanzioni.
Niente quindi a che vedere con l’amianto presente in parte della struttura, presenza di cui, ripeto, siamo perfettamente a conoscenza e che verrà smaltito a suo tempo in assoluta sicurezza e secondo procedure da tempo codificate.
Tutti gli atti relativi ai procedimenti che abbiamo espletato sono a disposizione dei cittadini che possono verificare in qualsiasi momento non solo la regolarità delle procedure, ma anche la loro assoluta sicurezza”.

 



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA