“Su Botteri non è satira, Striscia ha sbagliato”

Viviana Bazzani contro il Tg satirico

Caro Gabibbo,
ho pensato di scriverti questa lettera per chiederti, con parole semplici, cosa sta succedendo al tuo amico “Striscia la Notizia”.

Sono trascorsi, poco più di trent’anni da quando, con la tua aria sorniona e garbata entravi nelle nostre case.

Anche quelli erano anni difficili, oggi sono peggiorati ma, quello che mi lascia perplessa è che anche il tuo amico Striscia è cambiato. Mi verrebbe da dire dove è finita la vostra bravura di fare satira? Negli ultimi tempi qualcosa è successo e non solo negli ascolti fortemente in calo, ma anche i vostri modi sono cambiati…sempre più istigatori nei vostri servizi e sempre più scortesi e arroganti nell’attaccare le persone che hanno il coraggio di dire quello che pensano, che può essere diverso dal vostro perché voi non siete detentori della verità assoluta.

Passi l’attacco “ridicolo” fatto nei miei confronti, due settimane fa, solo per aver detto che il vostro inviato Brumotti non stia facendo informazione giornalistica (non è una novità che in ogni città, paese e via si spaccia droga) ma sta solo mettendo a repentaglio la propria vita nella affannosa ricerca di aggressioni. E del resto operando in quel modo non è difficile ottonere lo scoop di immagini violente.

Passi la vostra gaffe nell’invitarmi ad alzare il mio fondo schiena dalla sedia per comprendere cosa vuol dire lavorare nelle zone di spaccio…. senza accertarvi che chi vi scriveva ha trascorso più di trent’anni in “trincea” come agente di polizia e che alla fine degli anni ’90 la sottoscritta ha perso la vista dell’occhio sinistro lavorando al servizio del paese; ma, ridicolizzare con stupida e banale ironia una giornalista, nostro fiore all’occhiello in tutto il mondo questo no! no e poi no… non vi è consentito!!

Giovanna Botteri è il giornalismo fatto di professionalità, precisione e garbatezza nel dare le giuste notizie, e non importa se indossa la stessa maglietta o si pettina senza seguire le mode del momento. Quello che conta è la buona informazione e la dottoressa Bottero, caro il mio Gabibbo, ha tanto da insegnarvi.

Il web è insorto era inevitabile.

Quindi ti chiedo la cortesia di essere tu il portavoce al tuo caro amico Striscia spiegandogli che la buona satira e l’elegante ironia giornalistica sono ben altra cosa.

Invita il tuo amico Striscia a fermarsi per un istante, a guardarsi indietro e constatare che, oggi, è diventato irriconoscibile. Nessuno è onnipotente, nessuno è invincibile, nessuno si deve sentire forte perché nella storia dei tempi “uomini e nazioni” che si sentivano inattaccabili sono impietosamente crollati.

Viviana Bazzani