Anche per le macchine agricole ci vuole la “patente” apposta

Osteria Franco e Ciccio
Pizzeria
target="

Si svolgerà in piazza Perosi ad Alessandria, lunedì 4 aprile dalle ore 8.30, la giornata di promozione e informazione organizzata dalla Cia di Alessandria per i corsi delle abilitazioni per l’utilizzo di tutti i macchinari agricoli facenti parte dell’Accordo Stato/Regione 22 febbraio 2012, destinati al rinnovo degli operatori e ai nuovi addetti, che contano già oltre mille iscritti.
I formatori Paolo Viarenghi e Simone Nicola (responsabili Cia che, insieme ad Andrea Grillo e Mario Lunardon, hanno conseguito l’idoneità di insegnamento nel centro specializzato Imamoter di Ferrara) saranno presenti sul posto per dare tutte le informazioni sulla normativa e sui contenuti teorici e pratici dei moduli di lezione, in un’area attrezzata della Cia con un mezzo agricolo in esposizione.
I corsi si svolgeranno negli uffici della Cia (moduli teorici) e presso l’azienda agricola “Franco Sardo” di Valle San Bartolomeo (AL), Strada Cerca (moduli pratici).
Al termine dei moduli si svolgeranno delle prove teoriche e pratiche che, se superate, permetteranno il rilascio dell’attestato di abilitazione e del “patentino” formato tascabile.
Spiega Paolo Viarenghi, responsabile Politiche fiscali e del Lavoro Cia Alessandria e formatore dei corsi: “Abbiamo organizzato i corsi in modo da dare nelle ore a disposizione previste informazioni dettagliate e utili agli iscritti, che, ricordiamo, possono essere anche soggetti privati oltre agli agricoltori professionisti. Il nostro campo-prova è stato strutturato per le esercitazioni pratiche, con un percorso che prevede anche manovre in retromarcia, prove in pendenza con carico e altri ostacoli”.
Commenta Gian Piero Ameglio, presidente provinciale Cia Alessandria: “La nostra iniziativa è una realtà unica in Piemonte e abbiamo già numerosi corsi al completo. L’obiettivo è fornire gli strumenti necessari per prevenire gli incidenti sul lavoro e garantire la sicurezza, attraverso la formazione, di tutti gli operatori in agricoltura”.
Secondo la normativa, chi si accinga ad utilizzare il trattore e le altre attrezzature individuate dall’Accordo (piattaforme di lavoro mobili elevabili, gru a torre, gru mobile, gru per autocarro, carrelli elevatori semoventi con conducenti a bordo, trattori agricoli o forestali, macchine movimento terra), per le prima volta, da ora deve prima effettuare l’apposito corso, mentre chi ha esperienza ha appunto tempo fino al 2017 per seguire il corso di aggiornamento che avrà poi validità quinquennale. I lavoratori che alla data del 31 dicembre 2015 erano incaricati dell’uso delle attrezzature, che non hanno l’esperienza biennale e non hanno svolto già specifici corsi di formazione, devono effettuare il corso base teorico pratico entro il 31 dicembre 2017. Sono, infine, soggetti all’obbligo di abilitazione anche coloro che effettuano un uso saltuario delle attrezzature, mentre l’abilitazione non è necessaria nel caso non si configuri alcuna attività lavorativa connessa all’utilizzo dell’attrezzatura di lavoro. Coloro che hanno maturato alla guida del trattore agricolo almeno due anni di esperienza negli ultimi dieci possono accedere per il rilascio dell’abilitazione e al solo corso di aggiornamento per una durata complessiva di 4 ore, che dovrà essere frequentato entro il 22 marzo 2017.
Informazioni e iscrizioni in tutti gli uffici zonali della Cia, maggiori specifiche sul sito www.ciaal.it e sul canale Youtube “Cia Alessandria” (oltre alla pagina Facebook Cia Alessandria e al profilo Instagram Ciaalessandria).

Pulce Live

Rispondi