Paura all’Ilva per uno spezzatino indigesto

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

Anche all’ILVA di Novi i lavoratori hanno incrociato le braccia nei giorni scorsi come nelle altre fabbriche  del gruppo, per sensibilizzare le istituzioni sulla situazione societaria dell’industria siderurgica più importante d’Europa, commissariata, e che lo Stato vuole vendere. Il timore dei dipendenti è che una cessione frettolosa possa portare a condizioni di vita lavorativa peggiori, se non alla chiusura di stabilimenti.



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA