Bus, nuovo Amministratore delegato per la “transizione ecologica”

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

  • Nominato il nuovo AD Amag Mobilità, è Luca Delbarba
  • Gli obiettivi: qualità del servizio e transizione ecologica
  • Per ora non si parla di rivdere le linee

La parola del momento è transizione ecologica, il che vuol dire passare più o meno velocemente ad atteggiamenti e consumi ecosostenibili. Amag Mobilità ha perso nell’anno della pandemia 750 mila passeggeri, più o meno la metà di chi saliva l’anno prima sui suoi bus azzurri. La situazione della mobilità pubblica nelle piccole città come Alessandria non è rosea e non sarà facile per il nuovo amministraztore delegato.

Chi è

Luca Delbarba, 59 anni, proveniente dal Gruppo Arriva e dopo aver maturato una lunga esperienza alla guida di importanti società del trasporto pubblico locale quali SAB Bergamo, Sia Brescia, KM Cremona e SAVDA Aosta. Sostituisce Filippo Agazzi, alla guida dell’azienda dal 2017, dimissionario per motivi personali.

Il cambio ai vertici avviene in un momento estremamente complesso per le società che gestiscono la mobilità:

AMAG Mobilità ha trasportato nel 2019 più di 1,5 milioni di passeggeri, ridottisi nel 2020 di circa la metà a causa dell’emergenza sanitaria; operando quasi 1,8 milioni di Bus/km con circa 80 mezzi e 150 dipendenti, salvo in fase di lockdown.

Il processo di transizione ecologica che vedrà nei prossini due/tre anni la sostituzione del 50% degli autobus urbani attualmente utilizzati per il servizio urbano con l’impiego di autobus elettrici e a basse emissioni che rispettino l’ambiente. Conto di portare alla squadra di AMAG Mobilità la mia lunga esperienza in società nazionali e internazionali per garantire ad Alessandria una mobilità sempre più sostenibile e un trasporto pubblico maggiormente competitivo rispetto al mezzo privato”.

Luca Delbarba