Neve, e la provincia si ferma (o quasi)

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

La prima vera neve che sta ricoprendo tuta la provincia di Alessandria – fino a Genova – ha creato disagi soprattutto alla circolazione. Come sempre. Chiuso lo svincolo autostradale A26 di Alessandria, chiuso l’Outlet di Serravalle Scrivia. Cancellati molti treni interregionali.

Arpa Piemonte prevede comunque un netto miglioramento a metà mattinata.

La perturbazione di origine polare marittima in ingresso sul Mediterraneo occidentale sta attualmente interessando la nostra regione con nevicate diffuse, più intense sui settori orientali ed in particolare sull’alessandrino dove si registrano gli accumuli più significativi anche a quote di pianura: nelle ultime 12 ore i nivometri della rete di monitoraggio di Arpa Piemonte hanno misurato tra i 12 cm ed i 16 cm sull’alessandrino, con punte di 30 cm sull’Appennino al confine con il savonese, 13 cm a Priero nel cuneese, 7 cm sulle pianure del vercellese e 3-4 cm sulle pianure del torinese e circa 10 cm a Cuneo città. Su tutti i settori alpini, dalle Alpi Liguri alle Lepontine, gli accumuli di neve fresca nelle ultime 12 ore variano tra i 15 cm ed i 25 cm.

 Da metà mattinata è previsto un progressivo miglioramento a partire dai settori occidentali ed entro metà giornata le nevicate sono attese in esaurimento su tutti i settori. Nella seconda parte della giornata vi saranno ancora deboli nevicate sparse limitate alle vallate alpine associate a condizioni di foehn tra Alpi Marittime e Graie, in particolare in serata quando i fenomeni si spingeranno temporaneamente fino agli sbocchi vallivi. I venti sulle cime alpine soprattutto del cuneese e del torinese si manterranno forti o molto forti fino al pomeriggio di domani.

Fonte Arpa Piemonte