Cassa integrazione a rilento, “Il Piemonte tra le peggiori d’Italia”

Evase poche richieste rispetto al totale

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

Alla deputata torinese Francesca Bonomo vien da piangere al solo pensiero che mancano ancora quattro anni alla fine della legislatura regionale, con Alberto Cirio presidente. Il motivo? La lentezza con cui avrebbe gestito la cassa integrazione in deroga per le aziende, anche quelle più piccole, in difficoltà dopo la chiusura per epidemia.

Iscriviti gratuitamente per continuare a leggere:


PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA