Alessandria come Venezia, tassa di soggiorno al via

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

Servirà per finanziare interventi di migliorie e abbellimenti

Da ieri è entrata in vigore sul territorio di Alessandria l’imposta di soggiorno. Da 1 a 2 euro in base alle ‘stelle’ della struttura.
La tassa di soggiorno è prevista per ogni pernottamento nelle strutture ricettive comunali fino ad un massimo di cinque pernottamenti consecutivi, anche non effettuati nella medesima struttura ricettiva.
Il gettito dell’imposta è destinato a finanziare interventi in materia di turismo compresi quelli a sostegno delle strutture ricettive, la manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali e di beni gestiti dall’Ente che contribuiscono all’abbellimento e alla fruibilità della città, nonché relativi servizi locali.

L’imposta dovrà essere corrisposta da tutte le persone, non residenti nel Comune di Alessandria, che pernottano in qualunque tipo di struttura ricettiva esistente sul territorio Comunale.
Sono previste esenzioni per categorie e fasce di età.



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA