Carcerati sì, ma con lo smartphone. Sequestrati quattro cellulari al don Soria

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

http://alessandrialisondria.altervista.org/viaggio-allinterno-carcere-san-michele/

Ben nove telefoni cellulari, perfettamente funzionante, e diversi grammi di sostanza stupefacente sono stati sequestrati nella Casa circondariale Cantiello e Gaeta (don Soria) ad Alessandria.

A dare la notizia è Vicente Santilli, segretario regionale per il Piemonte del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE: “Negli ultimi giorni gli uomini della Polizia Penitenziaria hanno esaminato e perquisito ogni anfratto delle Sezioni detentive del carcere trovando ben nove telefoni cellulari (tra i quali quattro smartphone), perfettamente funzionanti, e diversi grammi si sostanza stupefacente. Quattro persone sono state deferite all’Autorità giudiziaria.

Per il SAPPE “è urgente e non più differibile trovare soluzioni al personale di Polizia Penitenziaria che opera, sotto organico e con mille difficoltà, nel carcere di Alessandria Don Soria e nonostante tutto garantisce al meglio i compiti di sicurezza“: per questo il primo Sindacato della Polizia auspica un intervento dei vertici dell’Amministrazione Penitenziaria.



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA