Rosmina Raiteri, il ricordo dei Radicali: “perdita per tutti e non solo per gli alessandrini”

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

Alessandria – “La perdita di Rosmina Raiteri è perdita per tutti e non solo per gli alessandrini”.
Comincia così il commento dei coordinatori dell’Associazione radicale Adelaide Aglietta che ha visto la Raiteri tra i suoi attivisti.
“Rosmina è stata un punto di riferimento per tutti quelli che lottavano per i diritti, lo è stata anche per noi – proseguono i coordinatori – era, infatti, il nostro riferimento di Alessandria, insieme abbiamo portato avanti le battaglie che le stavano più a cuore, in primis quelle per i migranti. Risale proprio alla campagna “Ero Straniero” (la proposta di legge di iniziativa popolare per la regolamentazione dell’immigrazione) l’inizio dell’impegno comune. Grazie a lei, su quell’iniziativa Alessandria poté vantare il record di firme raccolte.
Sempre presente, sempre attiva, fino alla fine, quando si è impegnata nella recente campagna per l’Eutanasia legale, con la raccolta referendaria e la nascita della “Cellula Coscioni” locale.
Rosmina è stata una combattente, tenace e letteralmente infaticabile. Siamo onorati di averla avuta al nostro fianco.”



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA