Articolo Uno contro la smart city alessandrina

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

Articolo Uno Alessandria: «Il progetto smart city così com’è pensato è estremamente pericoloso per il futuro di AMAG: questa Giunta non rovini quattro anni di assoluta apatia con decisioni sconsiderate»

«Le scelte su Amag non possono essere il risultato dei litigi e delle guerre interne al centrodestra: la Giunta ricordi che AMAG rappresenta un valore aggiunto per Alessandria e per i suoi cittadini. Nei prossimi anni la nostra azienda dovrà fare scelte che condizionano pesantemente il suo futuro: se saranno sconsiderate a pagare i danni saranno solo gli alessandrini» – è il commento di Beppe Carniglia, coordinatore alessandrino di Articolo Uno, a margine dell’iniziativa pubblica “Amag, quale futuro?” di venerdì scorso in diretta su YouTube.

«Questa Giunta ha perso un sacco di tempo e ora, in tutta fretta e senza discussione, pensa di poter cancellare quattro anni di apatia con decisioni che riteniamo siano affrettate e pericolose. La cessione di Amag, o eventuali operazioni in project financing che potranno creare problemi economici per l’azienda degli alessandrini, sono decisioni che non possono essere prese da una Giunta che fra poco meno di un anno potrebbe non essere più alla guida di questa città».



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA