Il futuro del Monferrato va in bici e beve bene

ragazza bici natura monferrato sport tempo libero

Nonostante il periodo non felice per il turismo mondiale Alexala – l’agenzia turistica proviniale – si porta avanti e “chiude” la prima parte dell’analisi del turismo in Monferrato. Duecento le persone coinvolte tra operatori, sindaci, assessori competenti, amministratori e stakeholder del territorio, durante sei mesi di lavoro sul campo, per impostare una poderosa riflessione sul turismo e sulle sue opzioni di crescita futura. 

I risultati della prima fase basata sull’analisi dei flussi turistici indicavano nello sviluppo dell’enoturismo e della bike i due prodotti turistici su cui investire. 

Così sarà. Esperienze outdoor legate alla tradizione enogastronomica potrebbero portare molto interesse. Particolarmente importante quindi il senso degli interventi dell’assessore Poggio e dell’Assessore Protopapa che hanno detto:

Assessore Vittoria Poggio“L’indagine di Natourism e Alexala è utile per conoscere le tendenze del mercato non soltanto per le aziende ma anche per la Regione, che deve conoscere la domanda per orientare le sue scelte con sostegni adeguati. In questo caso si conferma l’attenzione del pubblico nei confronti di due assi del comparto turistico piemontese come quello enogastronomico che è stato capace di conservare il sapore delle sue origini antiche e nello stesso tempo di tenersi al passo coi tempi con formule nuove di turismo breve, come i bed and breakfast, e ultimamente con quello escursionistico in bicicletta. Ma gli operatori devono sapere che potranno contare sempre sul sostegno di questa amministrazione su tutti i fronti turistici, da quello delle famiglie a quello dei disabili passando per quello dei congressi a quello religioso che andranno sempre in contro ad operatori di mercato e utenti finali”.

Assessore Marco Protopapa. “Ritengo che oggi sia quanto mai necessario procedere ad una vera e propria riprogettazione e riprogrammazione delle iniziative in ambito enoturistico alla luce del monitoraggio dei flussi ma anche dell’emergenza Covid che ha di fatto stravolto le abitudini di tutti noi come anche di chi viene nei nostri territori. Le carte che possiamo giocare, oltre a rivolgerci al turismo tradizionale, sono quelle di puntare con decisione verso il turismo “outdoor” attraverso percorsi tematici che possano suscitare l’interesse e la curiosità dei turisti che per la prima volta vengono in provincia di Alessandria. Un valido aiuto può giungere dal turismo emergente che utilizza prevalentemente quale mezzo di trasporto l’e-bike, che associa la mobilità sostenibile all’attività motoria in chiave salutistica all’aria aperta.