Tecnologia e motori: le auto usate si vendono online

automobile

La tecnologia ha fatto da traino al mondo dei motori negli ultimi anni. Soprattutto per quanto riguarda il mercato delle auto usate, che ha beneficiato di novità importanti dal punto di vista tecnologico che riguardano in primis la vendita online. Negli ultimi anni, infatti, le auto usate sono state vendute principalmente online, come dimostrano i dati ed i numeri ottenuti dalle auto usate in vendita su brumbrum

I dati

Dal 2015 al 2020 la crescita del mercato delle auto usate è stata costante, facendo segnare un +20% complessivo. Si tratta di un dato in controtendenza rispetto al calo del 3% nella vendita di auto nuove, e che può essere spiegato da un lato dalle ristrettezze economiche post-crisi finanziaria, e dall’altro lato dal fatto che gli italiani cercano un prodotto sicuro e che offra garanzie di affidabilità e durata, ad un prezzo accessibile.

Nel 2019 il mercato delle auto usate ha fatto segnare un totale di 3.102.893 passaggi di proprietà per un valore totale di poco inferiore ai 19 miliardi di euro. Il Centro Studi di AutoScout24 segnala che la spesa media per l’acquisto di un’auto usata è stata di 13.715 euro e l’età media delle vetture è 8,2 anni. Per quanto riguarda le auto nuove, invece, il conteggio fa segnare 1.949.544 immatricolazioni con un giro d’affari di 17,6 miliardi di euro. 

Numeri che ben dimostrano l’importanza dell’online per questo comparto. D’altronde la migrazione verso l’acquisto online è un processo che era già in atto da tempo e che sta subendo una fortissima accelerata nelle ultime settimane, in virtù del particolare momento che l’Italia e tutto il mondo sta attraversando.

Di questo passo anche le case automobilistiche hanno deciso di lanciarsi sul mercato delle auto online. Come dimostra la casa automobilistica Dacia, che ha deciso di sposare questo trend nel 2012, seguito a ruota da Toyota con il suo showroom virtuale che proponeva sconti fino al 22% sul prezzo di listino. 

Da subito i clienti di Dacia e Toyota hanno dunque potuto effettuare la prenotazione ed acquisto di nuovi modelli di auto in pochi minuti ed in totale sicurezza, segnando così un momento storico per il mercato dell’auto. Gli altri costruttori hanno poi implementato strategie orientate soprattutto alla presentazione dei prodotti ed alla illustrazione delle specifiche tecniche su portali dedicati.

A gennaio 2020 si sono registrati 19 milioni di utenti unici che hanno consultato un sito web legato al settore automotive, tra cui concessionari, case automobilistiche, blog specializzati, accessori e ricambi auto, ecc. L’azienda digitale MotorK ha recentemente effettuato un sondaggio che mostra come un cittadino europeo su due sia oggi disposto ad acquistare l’auto online a patto che l’acquisto sia accompagnato da foto e video di qualità e garanzie sul prodotto. Tutto questo testimonia che la migrazione verso il web era già in atto da tempo.

Le ragioni che nel futuro immediato spingeranno sempre più consumatori a comprare online sia automobili usate che nuove sono innanzitutto il grande risparmio, che in alcuni casi arriva ad un 25-40% rispetto al prezzo di listino, l’ampia scelta senza dover perdere tempo visitando tanti concessionari diversi e la possibilità della consegna dell’auto a domicilio.