Mobilità sostenibile e rigenerazione urbana le parole chiave dei Verdi per il post quarantena

“Non ci sono dimostrazioni scientifiche di legami fra la pandemia e l’inquinamento ma i provvedimenti che sono stati necessari al rallentamento della diffusione del covid19 stanno evidenziando quanto sia
importante agire sui comportamenti individuali e sulle direttive pubbliche per ottenere un ambiente vivibile”. Lo affermano i portavoce dei Verdi di Alessandria, Mauro Trombin e Giulia Bovone nel tracciare delle linee guida per il futuro.
Ecco in “poche parole” come vedono il futuro gli esponenti del Sole che ride:

  • Riconversione Green: è necessario costituire una linea specifica per sostenere la transizione e la riconversione dei modelli di produzione delle nostre imprese in chiave ecologica; la ricollocazione dei dipendenti deve essere un punto di partenza per le Aziende in crisi.
  • Incentivare il reinserimento nel mondo del lavoro, numerose operazioni di riqualificazione potrebbero essere gestite dando lavoro alle persone in attesa di un lavoro permanente, garantendogli un introito e favorendo il miglioramento dell’ambiente circostante.
  • A crisi finita, sarà basilare investire sulla promozione del territorio per far conoscere ai turisti i luoghi e l’enogastronomia alessandrina. Per venire incontro ai titolari di questi esercizi sarebbe auspicabile a livello nazionale anche una sospensione degli studi di settore.
  • Discussione del Piano regolatore comunale: mobilità sostenibile e rigenerazione urbana come motori dell’economia locale, del lavoro, della sicurezza e stop al consumo di suolo.
  • Contrastare la disinformazione e le cosiddette “fake news” che vengono strumentalizzate per aumentare l’odio razziale e alimentare comportamenti scorretti e pericolosi da parte dei cittadini