“Progetto folle dell’Oms: separare le famiglie e ‘deportare’ infetti”

È molto difficile capire dove finisce la fantasia e inizi la realtà realtà che sembra un film .Si riportano le parole di un funzionario, il dr Michael Ryan direttore esecutivo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha detto in una conferenza stampa.

Ecco un frammento : “In quasi tutto il mondo a seguito del lockdown la maggior parte dei contagi che si verifica in molti paesi accade all’interno delle abitazioni a livello familiare. In un certo senso il contagio è stato eliminato dalle strade ed è passato all’interno delle famiglie. Adesso dobbiamo osservare l’interno delle famiglie per individuare i malati, rimuoverli e isolarli in modo sicuro e dignitoso.”

Qualunque cosa essa significhi !!? Si è capito bene, di che cosa si tratta: cioè dicono che per evitare ulteriormente il contagio bisognerebbe rimuovere le persone infette dalle famiglie e portarle in un luogo sicuro. Aggiunge poi e, non si capisce bene che cosa significa, in maniera dignitosa.

Questo è un atteggiamento molto pericoloso perché stimola come risposta alla violenza l’uso della violenza stessa

Un altro fatto interessante riguardo questa notizia è che ne parlano pochissimo e molto di sfuggita. Durante una piccola ricerca ho constatato che questa notizia era stata riportata soltanto da un sito di tecnologia e gaming cioè di videogiochi.

in altre siti non ce ne è traccia. Queste parole comunque sono di una gravità molto elevata perché si è arrivato a concepire di prendere le persone non più in strada ma nelle case e isolarle dal resto della famiglia .

Evidentemente l’allarme suscitato da queste parole ne ha silenziato la notizia che è sparita immediatamente dai radar dei massmedia mondiali.

Luigi Manzini