600 volontari nell’emergenza covid-19

Tinaba LIke

Dona 1 centesimo per l'informazione gratuita
Like me!

Dona o abbonati

Dona a La Pulce nell'Orecchio

anpas
whattsapp

Da un mese dalla prima attivazione delle organizzazioni regionali di volontariato di protezione civile convenzionate, avvenuta lo scorso 5 febbraio, Anpas (Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze) Comitato Regionale Piemonte e Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Piemonte hanno lavorato in maniera congiunta, senza sosta, nella gestione degli interventi relativi all’emergenza sanitaria internazionale provocata dal Coronavirus covid-19, continuando a garantire i servizi ordinari e il soccorso nei territori. Una task force di 600 volontarie e volontari Anpas e Croce Rossa.

Andrea Bonizzoli, presidente Anpas Piemonte: «I volontari di Anpas e Croce Rossa che, adeguatamente formati e preparati, stanno svolgendo attività di prevenzione del rischio di contagio virale dovuto al Covid-19 e che ogni giorno effettuano servizi di soccorso sanitario e trasporti ordinari sul territorio, sono cittadine e cittadini di grande impegno civile e sociale. Donne e uomini che attivati dalle Istituzioni, sconfiggendo comprensibili timori, hanno prontamente risposto mettendosi a disposizione delle autorità competenti, in maniera volontaria e gratuita per contrastare l’emergenza provocata dal Coronavirus. A tutte e tutti loro va il mio personale ringraziamento e quello di tutto il Consiglio direttivo di Anpas Piemonte».

«Una comunità – commenta Antonino Calvano, presidente Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Piemonte – si difende, nei momenti di maggiore difficoltà, riunendo le sue forze migliori a supporto delle persone che più di altre sono esposte e che devono trarre dalla vicinanza delle istituzioni e dalla intelligente gestione di crisi la fiducia nel percorso di rientro. Un grazie di cuore a tutti coloro che stanno operando per fronteggiare questa delicata fase e che non si sono mai posti il dubbio tra la serietà del loro impegno a favore del prossimo e la chiusura nella paura».

whattsapp


Be the first to comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.