“Bonificato” il bar Marini. Un espulso. “Ora è più decoroso e sicuro”. Opposizione critica

Opposizione critica l’azione: “Aiutiamo i senzatetto”

Nelle prime ore della mattinata di ieri, gli agenti del Comando di Polizia Municipale di Alessandria, nell’ambito di un servizio straordinario di controllo del territorio, sono intervenuti in viale della Repubblica, presso il dehor di proprietà del bar Marini, accertando la presenza di tre cittadini extracomunitari che avevano trovato riparo all’interno della struttura.

Ai cittadini è stato richiesto di esibire un documento di identità e il permesso di soggiorno, ma solo uno dei tre è stato in grado di mostrare il permesso di soggiorno rilasciato dalla Questura di Imperia. Tutti i cittadini sono stati accompagnati nella sede del Comando di via Lanza per gli accertamenti necessari, sono stati sottoposti a rilievi dattiloscopici in attesa della comparazione Afis e trattenuti in stato di fermo per l’identificazione.

Le verifiche hanno permesso di constatare che su uno dei tre gravava un provvedimento di espulsione da eseguire e, pertanto, è stato attivato il competente ufficio Immigrazione della Questura di Alessandria per le procedure del caso. Al cittadino è stato notificato l’Ordine del Questore di Alessandria a lasciare il territorio entro sette giorni, nonché il Decreto di Espulsione emesso dal Prefetto di Alessandria.

Gli altri due cittadini sono risultati titolari di permesso di regolare permesso di soggiorno e, dopo i rilievi dattiloscopici, hanno lasciato il Comando.

Successivamente all’allontanamento degli occupanti, l’area è stata sottoposta a bonifica con l’intervento, oltre che degli operatori di Polizia Municipale, del servizio Lavori Pubblici del Comune di Alessandria e di Amag Ambiente. Coinvolto anche il rappresentante della società Aspal in liquidazione.

Concluso l’intervento di sgombero, il dehor è stato smantellato e l’area è stata ripulita. Parte del materiale ancora utilizzabile è stata depositata all’interno del bar.

Voglio ringraziare l’operato della nostra Polizia Municipale per questo importante intervento che ha permesso di porre rimedio ad una situazione di degrado in un‘area centrale della nostra Città e su cui questa Amministrazione si sta focalizzando per una più ampia riqualificazione urbana – ha commentato l’assessore Politiche di Valorizzazione e Sviluppo del Personale della Polizia Locale, Monica FormaianoQuesta operazione era già preventivata, ma l’intervento coordinato con tutti i soggetti interessati ha richiesto i necessari tempi tecnici per la sua messa a punto a garanzia della sua efficacia operativa complessiva. E’ stato necessario coinvolgere oltre alla Polizia Municipale, anche la direzione Lavori Pubblici del nostro Comune, Amag Ambiente e, non ultimo, il rappresentante della società Aspal in liquidazione. L’operazione è stata molto delicata e allo stesso tempo complessa, ma si è svolta nell’interesse comune con l’obiettivo del decoro e della sicurezza territoriale. Sottolineo l’ottima sinergia fra tutti i soggetti coinvolti che ha permesso di risolvere uno dei tanti problemi che quotidianamente ci vengono segnalati dai cittadini e di restituire alla comunità uno spazio più decoroso e più sicuro”.

Polemica dell’opposizione. In particolare del M5S. Michelangelo Serra scrive: “La giunta “risolve” il problema dei senzatetto al Marini demolendo il dehors. E se andassero in Valfrè demoliranno la Valfrè? Il problema “degrado” si dovrebbe affrontare con un sistema in grado di aiutare i senzatetto non spostando il problema altrove demolendogli i rifugi.
Tra l’altro le minime sono in calo e dovrebbe tornare gelate notturne nei prossimi giorni: prima si trova una sistemazione e poi si sgombera”.