Di Maio non si tocca: Matrisciano difende il capo

“Senza il MoVimento 5 Stelle la politica in Italia non avrebbe subito quella profonda mutazione genetica che ha fatto riscoprire a milioni di persone, soprattutto giovani, la voglia di partecipare e provare a cambiare il Paese”. E fin qui, detto dalla senatrice di Casalbagliano Susy Matrisciano ci sta anche a difendere la causa in cui crede, sottolineando il nuovo modo di fare politica da 10 anni a questa parte. “Ci siamo riusciti grazie al lavoro degli attivisti e dei portavoce che hanno contribuito a trasformare in realtà il sogno di Beppe e Gianroberto. E Luigi Di Maio è uno di loro: si è speso anima e corpo per realizzare quel sogno, che è il sogno di tutti noi. Chi lo accusa di essere l’uomo solo al comando colpisce lui per colpire il MoVimento 5 Stelle”.

Una importate presa di posizione a favore del leader-ministro senza se e senza ma: “La scelta di dotarci di una struttura composta dai facilitatori nazionali e regionali va nella direzione di rilanciare quel sogno di partecipazione e condivisione che ha restituito speranza a milioni di persone ed è l’anima stessa del MoVimento 5 Stelle”.

Matrisciano riconosce al caparbio Luigi Di Maio il pregio di aver introdotto il reddito di cittadinanza.