Gli anarchici alessandrini brindano in ricordo di Bresci

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

Il 29 luglio del 1900 l’anarchico Gaetano Bresci uccideva il re Umberto I a Monza a seguito degli scontri popolari avvenuti in Lunigiana, in Sicilia e Milano. Qui il generale Bava Beccaris non esitò a sparare con il cannone alla popolazione e per questo suo gesto “eroico” il re gli diede una medaglia al valore. “Gaetano Bresci decise di dare al re tre medaglie al cuore”, commentano gli anarchici di Alessandria, che per ricordare il gesto, il 27 luglio apriranno il PerlaNera. Pomeriggio con vari giochi e alla sera cena al chiaror di luna rossa.



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA