Di tutto: dall’estorsione ai matrimoni fittizi. 15 arresti

target="
Pizzeria
Osteria Franco e Ciccio

Alle prime ore dell’alba, i Carabinieri del Comando Provinciale di Alessandria – 80 i militari impiegati, con copertura aerea assicurata da velivolo del 1° Nucleo Elicotteri Carabinieri di Volpiano (TO) – hanno dato esecuzione all’ordinanza di applicazione di misure cautelari coercitive emessa dal G.I.P. del Tribunale Alessandrino nei confronti di 15 persone – 12 di nazionalità italiana e 3 straniere – tra le quali 3 donne, tutte residenti e/o domiciliate in questa provincia.

8 quelle associate nelle carceri di Alessandria, Asti, Vercelli e Torino: Fioramante Caruso, 35enne di Serravalle Scrivia, censurato, già avvisato orale; Giuseppe Lombardo, 32enne di Spinetta Marengo, censurato; Eleonora Cerasa, 23enne di Alessandria, censurata; Davide Lo Iacono, 27enne di Alessandria, censurato già avvisato orale; Antonino Intili, 35enne di Alessandria, già sottoposto a sorveglianza speciale; Mustapha Ahsikou, 33enne marocchino residente ad Alessandria; Serena Luciani, 28enne di Alessandria, censurata e Fabio Milia, 30enne di Spinetta Marengo, censurato, già avvisato orale.

7 quelle ristrette agli arresti domiciliari, in forma aggravata: Agnieszka Anna Szalska, 39enne, convivente di Caruso; Sergio Grosso, 57enne di Novi Ligure; MaurizioValdinazzi, 55enne di Novi Ligure; Domenico Franzè, 33enne di Alessandria, censurato; Klodian Bagosi, 31enne albanese residente ad Alessandria, censurato; Paolo Bidone, 55enne di Pozzolo Formigaro, censurato e Salvatore Cusumano, 36enne di Alessandria, censurato.

Diversi i reati contestati, che vanno dall’estorsione all’incendio, dalla violenza privata al falso ideologico commesso sia dal pubblico ufficiale che dal privato in atti pubblici; dall’intestazione fittizia di beni/trasferimento fraudolento di valori al favoreggiamento della permanenza illegale del cittadino extracomunitario nel territorio dello Stato, tutti in forma aggravata.

Le indagini denominate “Operazione Bad Guys”, condotte dal Nucleo Investigativo del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Alessandria e coordinate dalla locale Procura della Repubblica, avviate sin dal mese di febbraio dello scorso anno, a seguito dell’arresto di 4 persone autrici di alcune estorsioni ai danni di operatori economici alessandrini, hanno consentito di individuare l’esistenza di un gruppo variamente articolato di soggetti, operanti stabilmente tra l’alessandrino e il novese, che vede tra le figure di spicco quella di Caruso, pluripregiudicato di origini siciliane, già citato tra le carte dell’inchiesta condotta all’epoca dalla procura di cremona sul “calcioscommesse”.

Caruso, già avvisato orale, per tutelare il suo “investimento” in un ristorante di Novi Ligure – in seguito ceduto ma al momento in cui era sottoposto ad indagini “strategicamente” intestato ad alcuni prestanome (la moglie ed un amico, anch’essi oggetto del provvedimento restrittivo odierno), in modo da eludere l’eventuale applicazione di misure di prevenzione patrimoniali a suo carico – secondo le indagini cercava di costringere, mediante minacce di gravi ripercussioni fisiche, Pubblici Ufficiali a cancellare o distruggere degli atti da loro redatti a suo carico riferiti ad un controllo che in realtà non avevano mai effettuato, ma ne avevano attestato falsamente l’esecuzione proprio per favorirlo. Si trattava di un verbale di lamentele da parte degli abitanti degli edifici adiacenti il ristorante, esasperati dalle emissioni sonore provenienti dal locale in occasione degli intrattenimenti.

Per tale condotta, i due vigili sono tra i soggetti colpiti dall’ordinanza restrittiva eseguita oggi.

Fra le altre condotte addebitate a Caruso, in concorso con altri tra i quali Lombardo, anche l’incendio appiccato ad un cassonetto della nettezza urbana posto in prossimità delle abitazioni confinanti con il suo ristorante allo scopo di intimidirne i condomini, che avevano osato lamentarsi del volume eccessivo della musica proveniente dal locale, lamentele che avevano portato all’emissione di un provvedimento comunale di divieto di diffusione della musica all’interno dell’esercizio.

Al soggetto è inoltre contestata una grave intimidazione nei confronti di un imprenditore di Novi Ligure, a sua volta “colpevole” di non volergli affittare gratuitamente un appartamento. Il diniego ricevuto mandava su tutte le furie Caruso che contattava un collaboratore dell’imprenditore ingiungendogli di  riferire al datore di lavoro che, se entro il pomeriggio non fosse avvenuta la consegna delle chiavi dell’appartamento scelto, al suo  rientro dalla Sicilia lo avrebbe picchiato fino a “stenderlo”. La minaccia in seguito reiterata e accompagnata anche dall’assoluta indifferenza rispetto ad un eventuale intervento delle forze dell’ordine, sortiva l’effetto voluto, poiché l’imprenditore alla fine decideva di “lasciargli” trattare l’affitto dell’appartamento direttamente e personalmente con il proprietario dello stesso, rinunciando quindi al compenso che gli sarebbe stato dovuto per la sua intermediazione.

Nell’ambito delle indagini sono poi emersi autonomi profili di responsabilità a carico di altri soggetti, legati da rapporti di assidua frequentazione con  CARUSO.

Significativo un episodio di grave intimidazione nei confronti di un imprenditore alessandrino ad opera di Franzè, Intili, Lo Iacono, avvenuto nel febbraio 2016. I tre figuri, recatisi nel locale notturno gestito dall’uomo, alternando gravi minacce a  pseudo “consigli” lo costringevano a tollerare la presenza nel locale del parente di uno dei tre, nonostante quest’ultimo si fosse reso in precedenza protagonista di una violenta aggressione nei confronti di un altro cliente causando la chiusura temporanea dell’esercizio, tentando di farsi affidare il servizio di sicurezza all’interno del locale.

Cinque sono ritenuti responsabili a vario titolo di aver incendiato l’auto di un  imprenditore alessandrino parcheggiata a ridosso di abitazioni, “colpevole” di aver redatto una lettera di richiamo nei confronti della moglie di uno dei cinque, sua dipendente.

Inoltre, gli stessi Lombardo, Cerasa, Luciani ed altri tra i quali A.M., marocchino trentaduenne e C.S., italiano trentaseienne, avevano avviato una ormai consolidata attività volta a favorire, dietro pagamento di somme in denaro, la permanenza illegale sul territorio nazionale di cittadini extracomunitari attraverso matrimoni fittizi tra cittadine italiane. Almeno 2 i matrimoni fittizi conclamati, celebrati presso il comune di Alessandria tra il mese di maggio e quello di ottobre dello scorso anno.

A casa di Cusumano, in cantina, veniva rinvenuta una piantagione di marjiuana costituita da oltre una trentina di piante coltivate in vaso.

 

Osteria Franco e Ciccio

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*